Calcio serie A, la neve rinvia la Juve, Milan non si ferma più

Calcio serie A, la neve rinvia la Juve, Milan non si ferma più
25 febbraio 2018

L’incognita neve sulla corsa scudetto. La Juve che doveva giocare d’anticipo sul Napoli inciampa su una nevicata: la partita di Torino contro un’Atalanta ampiamente rimaneggiata per le fatiche europee e’ rinviata, la neve fitta che aveva cominciato a cadere sullo stadio un’ora prima del fischio ha imbiancato il campo e spinto l’arbitro Mariani al rinvio. Cos’, il Napoli domani giochera’ senza la pressione del risultato della sua inseguitrice, ma visto il clima da strategia del nervosismo non c’e’ da giurare che il rinvio eviti altre polemiche. Prima data possibile per il recupero, il 14 marzo. La Lazio risponde perentoriamente all’Inter riagganciando il terzo posto con un netto successo in casa del Sassuolo. La Roma spreca invece la possibilita’ di riprendersi il terzo posto facendosi battere in casa, 0-2, dal Milan dei giovani italiani, Cutrone Calabria, autori delle reti che lanciano i rossoneri verso orizzonti finora imprevisti. La sua squadra non si ferma piu’, e Rino Gattuso, che sta facendo un ottimo lavoro, sogna la zona Champions, specialmente se il trend positivo dovesse proseguire con una vittoria nel derby meneghino di domenica prossima. Per ora l’Inter, quarta in classifica, e’ a +7 dai cugini. La Sampdoria si tiene stretto il sesto posto, che vale l’Europa League, con una vittoria meritata sull’Udinese, che colpisce due pali. In chiave salvezza si riaprono i giochi per la vittoria del Verona sul Torino e per l’impresa della Spal che vince in casa del Crotone . I calabresi ora hanno un solo punto sulla Spal e due sul Verona. Non puo’ stare tranquillo neanche il Sassuolo, in crisi di risultati e di gioco. Milinkovic Savic risponde alle lusinghe del Real Madrid con una prestazione scintillante e due gol.

Leggi anche:
Napoli-Roma 2-1, partenopei al quinto posto in classifica

Le indovina tutte Inzaghi che fa riposare Luis Alberto, De Vrij e in parte Parolo in vista del Milan in Coppa Italia, recupera a tutti gli effetti Felipe Anderson, autore di due assist. Il Sassuolo recrimina all’inizio perche’ il primo gol di Milinkovic ha una traiettoria imparabile per una deviazione di Mazzitelli, poi protesta perche’ il mani di Peluso che determina il rigore del 2-0 di Immobile appare poco chiaro. Ma le attenuanti per il Sassuolo finiscono qui: la squadra si disunisce, Berardi prima si fa ammonire, poi rimedia un rosso diretto per un fallaccio su Radu. La Lazio segna il 3-0 e finisce in scioltezza. Molto incerto l’arbitro Manganiello che fa eccessivo ricorso al Var. Per il Sassuolo sono dolori perche’ la lotta per la salvezza si infiamma per l’impresa della Spal che vince a Crotone una gara fondamentale. I calabresi di Zenga, dopo il 2-3 di Benevento, perdono un’altra sfida delicata e ora i ferraresi si portano a un punto. Gli ospiti giocano a viso aperto. Un primo vantaggio viene annullato, poi Simic e Paloschi (su papera di Barberis) creano un divario che il secondo gol di Budimir non colma. La Spal torna a sognare la salvezza, per il Crotone si preannuncia un altro finale di stagione sofferto perche’ rientra in gioco anche il Verona superando alla distanza un Torino deludente.

Protagonista della vittoria Mattia Valoti, autore di una sorprendente doppietta. Il primo gol di testa all’inizio indirizza la gara. Il Toro non e’ in grande giornata, ma ha un lampo nella ripresa con una splendida azione conclusa bene da Niang. Ma i veneti insistono e su un tiro rimpallato da Petkovic Valoti e’ lesto a chiudere in porta. Vittoria significativa, nella corsa per l’Europa League, per la Sampdoria . I doriani hanno un inizio morbido in cui l’Udinese prende l’iniziativa, colpisce un palo con Samir. Poi la Samp cresce e tocca a Silvestre portare in vantaggio i suoi. Nella ripresa i friulani cercano il pari, trovano un secondo palo con Fofana, ma poi l’ex Zapata raddoppia con un gol memorabile, un pallonetto a incrociare dopo una fuga a tutto campo. La Fiorentina scavalca Bologna e Udinese battendo il Chievo con un gol iniziale di Biraghi. I viola hanno sempre il predominio, varie possibilita’ ma il raddoppio non si concretizza e alla fine i veneti provano invano a strappare il pari.

Leggi anche:
Sassuolo-Lecce 4-2, emiliani ok nel finale
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti