Los Angeles, ucciso dalla polizia un altro afroamericano

Los Angeles, ucciso dalla polizia un altro afroamericano
1 settembre 2020

Un uomo di colore è stato ucciso dalla polizia, che afferma che era armato di una pistola, ieri a Los Angeles, in un clima generale di tensione e sfiducia nei confronti della polizia rinnovato dal caso Jacob Blake. L’ufficio dello sceriffo della contea di Los Angeles, attraverso la voce del tenente Brandon Dean, ha fornito la sua versione dei fatti in una conferenza stampa. L’uomo in questione, un “trentenne”, stava andando in bicicletta nel primo pomeriggio di ieri quando gli agenti hanno cercato di arrestarlo per una violazione del codice della strada.

Secondo il racconto delle autorità, è “scappato” dopo aver lasciato la bicicletta. La polizia è riuscita a raggiungerlo. È stato a questo punto, ha detto Dean, che il giovane afroamericano “ha preso a pugni in faccia uno degli ufficiali”. Il sospetto ha lasciato cadere una pila di vestiti dalla mano. “Gli agenti hanno notato che una pistola semiautomatica nera era all’interno della pila di vestiti”, ha continuato il tenente.

La polizia ha quindi sparato. L’uomo, colpito da diversi proiettili, è morto sul colpo. “Era in possesso di un’arma da fuoco e ha attaccato un agente”, ha insistito Dean, indicando che era stata aperta un’indagine. Circa 100 persone si sono radunate sul luogo della sparatoria ieri sera, secondo i media locali, mentre il movimento di protesta antirazzista è ripreso negli Stati Uniti dopo che un poliziotto bianco ha sparato sette volte alla schiena a un uomo di colore, a Kenosha, nel Wisconsin. Il presidente Donald Trump, che dovrebbe recarvisi oggi, non ha intenzione di incontrare la famiglia di Jacob Blake, rimasto paralizzato da questo apparente errore della polizia.

Leggi anche:
Ungheria autorizza vaccino anti Covid russo Sputnik, primo Paese Ue
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti