Mercato unico, varate misure d’emergenza Ue per trasporti e pesca post-Brexit

Mercato unico, varate misure d’emergenza Ue per trasporti e pesca post-Brexit
Ursula von der Leyen e Boris Johnson
10 dicembre 2020

In vista dell’ormai imminente uscita del Regno Unito dal mercato unico europeo, il prossimo 31 dicembre, e vista l’incertezza sulla conclusione dell’eventuale nuovo accordo di partenariato post-Brexit, a causa dei negoziati ancora in alto mare, la Commissione europea ha presentato oggi una serie di misure di emergenza (“contingency measures”). Misure mirate nei settori dei trasporti stradali e aerei, per assicurare la continuazione di una connettività di base reciproca tra l’Ue e il Regno Unito, e nel settore della pesca, per consentire la possibilità di accesso reciproco dei pescherecci dell’Ue e del Regno Unito alle acque britanniche e dell’Unione.

Lo scopo di queste misure di emergenza è quello di far fronte all’eventualità di un periodo, a partire dal prossimo primo gennaio, durante il quale non sarà in vigore alcun accordo. Le misure saranno caduche al momento in cui dovesse entrare in vigore un nuovo accordo, o dopo un periodo prestabilito (sei mesi o un anno, a seconda dei casi) in caso di assenza di accordo. La Commissione sottolinea in una nota che le misure d’emergenza sono necessarie per alcuni settori che sarebbero molto più colpiti degli altri dalle conseguenze negative di un mancato accordo, a causa dell’assenza di soluzioni di ripiego appropriate, o perché le parti interessate non possono adottare autonomamente misure di mitigazione dei danni. In particolare, le misure varate oggi riguardano la connettività aerea di base, la sicurezza aerea, la connettività stradale di base e la pesca.

Leggi anche:
Comunali, centrodestra travolto e senza leader. Meloni chiede vertice

La prima è una proposta di regolamento per garantire la fornitura di determinati servizi aerei tra il Regno Unito e l’Ue per sei mesi, a partire dal primo gennaio, a condizione che il Regno Unito fornisca una garanzia reciproca simile. La seconda consiste in una proposta di regolamento volta ad assicurare che vari certificati sulla sicurezza della navigazione aerea e sulle prestazioni ambientali degli aeromobili e delle loro parti, e la certificazione delle imprese di progettazione e di produzione (Regolamento Ue 748/2012) possano continuare a essere utilizzati nei vettori aerei dell’Ue senza interruzioni, evitando così un blocco a terra degli aeromobili. La terza è una proposta di regolamento che copre la connettività di base su strada, per quanto riguarda il trasporto sia merci che passeggeri, prolungando per sei mesi i diritti degli operatori britannici nell’Ue, a condizione che Londra garantisca gli stessi diritti ai trasportatori dell’Unione nel Regno Unito.

L’ultima misura, infine, è una proposta di regolamento volta a creare provvisoriamente un quadro giuridico appropriato per la continuazione dell’accesso reciproco dei battelli da pesca dell’Ue alle acque del Regno Unito e viceversa, per un anno a partire dal primo gennaio 2020. Il regolamento varrà fino alla conclusione di un nuovo accordo di pesca con il Regno Unito, o, in assenza di accordo, fino al 31 dicembre 2021. Naturalmente, per attuare questo regolamento sarà necessario che il Regno Unito conceda ai pescherecci dell’Unione l’accesso alle proprie acque. Nella nota, la Commissione assicura che lavorerà a stretto contatto con il Parlamento europeo e il Consiglio Ue al fine di facilitare l’entrata in vigore il primo gennaio 2021 di tutti e quattro i regolamenti proposti.

Leggi anche:
Roma, inizia l'era Gualtieri che vince Aula e Municipi

Anche se i negoziati con il Regno Unito sui rapporti dopo la Brexit “sono ancora in corso”, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen spiega nella nota che “tuttavia, dato che la fine del periodo di transizione è molto vicina, non vi è alcuna garanzia sul fatto che un eventuale accordo, se e quando verrà trovato, possa entrare in vigore in tempo. La nostra responsabilità è di essere preparati a tutte le eventualità, incluso il mancato accordo con il Regno Unito il primo gennaio 2021. Questo è il motivo per cui oggi presentiamo queste misure”, conclude von der Leyen. askanews

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti