Migranti a Rocca di Papa, rivolta social: “Non li vogliamo”. E se la prendono pure col Papa

Migranti a Rocca di Papa, rivolta social: “Non li vogliamo”. E se la prendono pure col Papa
27 agosto 2018

Dopo la comunicazione di Papa Francesco, nel volo di ritorno dall’Irlanda, che circa cento migranti sbarcati dalla nave Diciotti saranno ospitati al Centro di accoglienza “Mondo Migliore” a Rocca di Papa, alle porte di Roma, la notizia confermata dal Comune sulla sua pagina Facebook è stata riempita di commenti molto negativi da parte di molti cittadini del posto.

“Altri 100 parassiti, che schifo!”, “Noi non li vogliamo rimandateli al loro paese avete stufato adesso ci sarà molta delinquenza e furti”, “Assolutamente inaccettabile far gravare un problema di queste dimensioni su tutta Rocca di Papa”, “Già eravamo circondati da loro e si comportano in maniera vergognosa. Disgusto!”, sono solo alcuni dei commenti postati in calce al comunicato del sindaco Emanuele Crestini.

Diversi se la prendono con Papa Francesco e il Vaticano: “Il Papa se li portasse al Vaticano visto che l’ordine e partito dà lui per ospitarli”, “Sindaco perché non scrivi al Vaticano e se lo porta a Castel Gandolfo”, “Li mettessero in Vaticano ‘sti palestrati mangiapane a tradimento”. E se altri commenti rasentano il razzismo (“Portano malattie che da noi sono debellate basta basta”, “Tra un po’ diventerà: ‘Rogga di baba’”), qualcuno invoca l’intervento del ministro dell’Interno Salvini (“aiutaci tu … te prego”). Ma c’è anche chi – una sparuta minoranza – approva l’iniziativa e si tira fuori dal coro dei contrari: “Portano lavoro a gente di rocca”, “Che tristezza questi commenti! Non vedo quelli dei politici che dovrebbero manifestare opinioni, proposte. Mi auguro che finalmente emergano anche voci ‘moderate’ fuori dallo schema”, “Cercassero di accendere i riscaldamenti e di non tenerli come bestie”.

Leggi anche:
Ospedali britannici avvertiti: scorta vaccini arriva tra 10 giorni
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti