Prosegue lo sprint sulla giustizia, Bonafede vede i dem. Insofferenza Renzi

Prosegue lo sprint sulla giustizia, Bonafede vede i dem. Insofferenza Renzi
Maria Elena Boschi
30 settembre 2019

Prosegue l’impegno del Guardasigilli Alfonso Bonafede per trovare l’accordo pieno con i dem, alleati di governo, sulla riforma della giustizia – prescrizione e sorteggio per il Csm sono i difficili nodi da sciogliere – con l’obiettivo di raggiungere in Parlamento l’ approvazione del ‘pacchetto’ sul settore civile e penale, e sulla legge elettorale delle toghe, entro la fine dell’anno. Da domani ogni giorno e’ buono, e la volonta’ del Guardasigilli c’e’ tutta per mettere in agenda un nuovo incontro al ministero di Via Arenula con la delegazione del Pd guidata dal vicesegretario Andrea Orlando, e non e’ completamente esclusa l’ipotesi che all’appuntamento partecipino Italia Viva e Leu. Anche se e’ poco probabile. Cresce infatti l’insofferenza del neonato partito di Matteo Renzi per il pressing di Bonafede. Per ora i due partner piu’ piccoli del governo giallo rosso – Italia Viva e Leu – non hanno ricevuto nessuna convocazione, ma fanno sapere che sono pronti a partecipare e a rispondere alla chiamata.

Contatti con Liberi e Uguali non mancheranno, lo ha detto lo stesso ministro Bonafede che a lui “interessa molto” confrontarsi con Pietro Grasso. Corrono invece piu’ sul filo di lana le chance di una intesa a portata di mano con Italia Viva, terzo azionista di maggioranza che cresce nei sondaggi e flirta con il garantismo del centrodestra. Sull’assenza al vertice sulla giustizia di venerdi’ scorso a Palazzo Chigi tra M5s e Pd, Maria Elena Boschi, capogruppo alla Camera di Italia Viva, non polemizza. Ha pero’ annunciato che il partito di Renzi procedera’ in autonomia. “Diremo la nostra in aula, liberamente”, ha detto Boschi al ‘Messaggero’. “Per noi comunque le priorita’ sono altre: la crescita, evitare la recessione, gli investimenti verdi, il family Act. Alla Leopolda parleremo di questo, non di Bonafede”, ha tagliato corto l’ex ministra. Nello sprint sul cammino delle riforme, non ci sono solo le incognite dei rapporti all’interno della maggioranza.

Nella tabella di marcia del Guardasigilli e’ previsto anche un nuovo giro di tavolo con l’Associazione nazionale magistrati, che ha posizioni di totale chiusura sul sorteggio, con il Consiglio nazionale forense e con gli avvocati delle camere penali e civili. Finora nulla di calendarizzato, ma il dialogo resta aperto. Fuori dalle consultazioni rimangono, oltre al capitolo intercettazioni, anche la novita’ del giro di vite sui grandi evasori, con tanto di carcere. Bonafede, intervistato dal ‘Fatto’, ha spiegato che “verranno rideterminate le soglie di punibilita’, abbassandole” e che “l’intenzione e’ colpire persone condannate in via definitiva. Chi sbaglia deve pagare”. Dall’opposizione e’ sempre fumata nera. “La pseudo-riforma rossogialla e’ un tentativo di giustificare la barbarie della soppressione della prescrizione: per rimanere al governo, il Pd sta consentendo al M5S di portare a termine un eccidio costituzionale, un intervento giustizialista, folle, omicidiario delle garanzie, che lascia i cittadini esposti sine die al vento della giustizia”, ha ribadito Francesco Paolo Sisto di Fi.

Leggi anche:
Scontro a 5stelle, Enrico Stefano (M5s): no a Raggi-bis: manca idea di città
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti