Uccide moglie, le aveva dato appuntamento su separazione

Uccide moglie, le aveva dato appuntamento su separazione
1 aprile 2019

Le aveva dato appuntamento per discutere della separazione, nella casa di campagna dei familiari di lei, ma si e’ presentato armato all’appuntamento. Questa la prima ricostruzione del delitto avvenuto questa mattina a Catenanuova (Enna) dove Filippo Marraro, 51 anni, titolare di un autolavaggio ha sparato alla moglie Loredana Cali’, 43 anni, uccidendola. Subito dopo Marraro ha chiamato i carabinieri che hanno trovato l’uomo ad attenderli e il corpo della donna davanti l’abitazione di campagna. La coppia aveva due figli adolescenti. Si erano sposati una quindicina di anni fa, dopo un divorzio di Marraro dalla prima moglie, dalla quale ha avuto un figlio. Loredana Cali’ la scorsa estate aveva lasciato Marraro e i due erano in fase di separazione.

Le avrebbe sparato due colpi di pistola, uno alla testa e uno al cuore. Queste le prime indiscrezioni sul femminicidio avvenuto questa mattina intorno alle 8,30 a Catenanuova. Filippo Marraro potrebbe avere premeditato il delitto della moglie Loredana Cali’, dalla quale si stava separando, perche’ dopo averle dato appuntamento nella casa di campagna della donna avrebbe portato con se’ la pistola con la quale le ha sparato, uccidendola praticamente sul colpo. La figlia maggiore della coppia, che ha 17 anni, e’ stata raggiunta dalla notizia della tragedia in Puglia, dove si trova in gita scolastica. Il figlio tredicenne era a scuola. Marraro era da anni divorziato dalla prima moglie e il figlio ventitreenne avuto dal primo matrimonio, lavora con lui nell’autolavaggio. Non e’ chiaro se Marraro non accettasse la separazione o se con la vittima fossero in corso liti per il mantenimento e l’assegnazione dei beni. L’uomo che ha chiamato i carabinieri dopo avere ucciso la moglie e’ in stato di fermo che nelle prossime ore, essendo reo confesso, sara’ tramutato in arresto.

Leggi anche:
Ponte Genova, gip scrive a procura su pressioni su periti
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti