Ultimo ciak per Terence Hill, dopo 20 anni addio Don Matteo

21 settembre 2021

Dopo oltre 250 episodi e oltre 20 anni dalla messa in onda della prima puntata, nel gennaio 2000, Terence Hill ha girato la sua ultima scena di “Don Matteo”, una delle più fortunate e longeve serie tv di Rai 1 (prodotta da Luca e Matilde Bernabei in collaborazione con Rai Fiction). Un personaggio che ha appassionato nel corso degli anni migliaia di italiani e che lascia un po’ di nostalgia nella squadra che lo ha seguito e accompagnato nel corso delle varie stagioni. Terence Hill è entrato nei panni del parroco don Matteo Bondini ancora una volta per “Don Matteo 13”. L’ultimo ciak con la sua ultima scena nella chiesa di Santa Eufemia a Spoleto è stato salutato da un caloroso applauso di addio e ringraziamento. E qualcuno gli ha voluto dedicare un saluto personale. Nino Frassica. “Ciao Terence, sarai sempre con noi….”; Flavio Insinna: “Era il ’98 quando ho avuto il provilegi di essere al tuo fianco in Don Matteo, ti dico ancora grazie, è stato un provilegio cavalcare al tuo fianco, grazie di cuore”.

“È vero, Terence ci lascia – afferma Luca Bernabei produttore della serie – ma vogliamo interpretare questa frase non in senso negativo ma anche e soprattutto in senso positivo. Vogliamo pensare all`eredità che Terence ci lascia in termini appunto di dedizione, fedeltà e soprattutto di amore per Don Matteo e per tutti i telespettatori che in questi 20 anni ci hanno seguito. Oggi dobbiamo essere all`altezza del mito che non ci lascia ma come un padre ci guarda da lontano e ci osserva crescere. Consapevoli dell`eredità di Terence, abbiamo il dovere di impegnarci ancora di più e di portarla avanti con la massima dedizione e responsabilità. Lo dobbiamo ai milioni di italiani che guardano la serie e a Terence. A lui vogliamo dire ancora una volta… Grazie Terence Hill”.

Leggi anche:
Delirio per Johnny Depp, superstar alla Festa di Roma
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti