Usa 2020, altro che 3 novembre: rebus voto anticipato e per posta

Usa 2020, altro che 3 novembre: rebus voto anticipato e per posta
27 ottobre 2020

Potrebbero volerci giorni, se non settimane, per sapere chi è il nuovo presidente americano tra Donald Trump e Joe Biden. La pandemia di coronavirus ha infatti spinto molti americani a preferire il voto anticipato o via posta, per evitare l’affollamento ai seggi il prossimo 3 novembre, e ad oggi sono oltre 64 milioni gli americani che hanno già votato. Tuttavia ogni stato ha regole diverse sulla procedura di spoglio delle schede, per cui è probabile che il risultato del voto non si conoscerà la sera stessa del 3 novembre.

In alcuni stati, i funzionari possono iniziare a processare le schede anche settimane prima del giorno delle elezioni: possono quindi cominciare a verificare le informazioni degli elettori e a rimuovere le schede dalle buste, preparandole così per il conteggio durante l’Election Day e accelerando la diffusione dei risultati. Ma in alcuni degli stati più in bilico le leggi impediscono di procedere prima del 3 novembre, per cui i funzionari elettorali dovranno presiedere al voto al seggio e processare allo stesso tempo un numero senza precedenti di voti postali. Si stima, infatti, che il tasso del voto per posta possa oscillare tra il 50 e il 70 per cento a livello nazionale, contro circa il 23% del 2016.

Tale situazione rende molto probabile un ritardo nella diffusione dei risultati e aumenta la possibilità che l’esito del voto ai seggi possa essere ribaltato o comunque sensibilmente cambiato dal conteggio di quelli per posta. La situazione è stata poi complicata dai ritardi nelle consegne da parte del Servizio postale, che hanno alimentato il timore che le schede non arrivino in tempo per essere conteggiate. I repubblicani hanno avviato azioni legali per impedire che siano prese in considerazione le schede arrivate dopo il 3 novembre. Se in Wisconsin la Corte suprema ha dato ragione ai repubblicani, in Pennsylvania ha invece autorizzato a considerare validi i voti che arrivano fino a quattro giorni dopo l’Election Day. In Michigan, altro stato in bilico, una corte d’appello ha annullato una proroga di 14 giorni per il conteggio delle schede, mentre è ancora aperta l’azione lanciata dai repubblicani contro la norma che consente di conteggiare le schede che riportino nel timbro postale i giorni prima o il giorno stesso del voto, ma arrivate dopo il 3 novembre.

Complessivamente, precisa il Washington Post, quasi la metà di tutti gli stati accetterà schede arrivate per posta alcuni giorni dopo il 3 novembre se il timbro indica che sono state inviate prima. Per quanto riguarda gli Stati considerati in bilico, a fronte di questa situazione è probabile che si conosceranno i risultati dove è consentito processare prima le schede del voto anticipato o postale. Per cui, secondo gli esperti, dovrebbero essere noti prima i risultati di Arizona, Florida, Minnesota e North Carolina, mentre bisognerà attendere per avere i dati di Pennsylvania e Michigan. Di solito gli americani sanno chi ha vinto le elezioni molto prima che i risultati diventino ufficiali. I media, infatti, “chiamano” un singolo stato quando ritengono che il margine di vittoria di un candidato sull’altro sia ormai insormontabile. E’ una previsione, non un risultato definitivo, così come quella sull’intera elezione. I presidenti Usa non vengono decisi dal voto popolare, ma dalla vittoria in un numero sufficiente di stati, e ciascuno stato esprime un certo numero di “grandi elettori”, basato a spanne sulla popolazione. Per andare alla Casa Bianca occorre avere dalla propria almeno 270 grandi elettori.

Leggi anche:
Coronavirus, nel Regno Unito vaccinazioni cominceranno martedì

Ogni Stato deve indicare i grandi elettori entro l’8 dicembre, al massimo entro il 14 dicembre, prima che le schede vengano sigillate e trasmesse al Congresso, per il conteggio del 6 gennaio. Prima di allora ogni stato ha un calendario diverso per il processo di verifica e certificazione dell’esito delle elezioni, che si svolge, di regola, alla fine di novembre. E quest’anno non sono escluse, alla luce dei ristretti margini di vittoria registrati finora in alcuni stati, contese legali sulla legittimità del procedimento di spoglio delle schede. askanews

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti