Il Var al Mondiale, Infantino: “E’ un giorno storico”

Il Var al Mondiale, Infantino: “E’ un giorno storico”
3 marzo 2018

“Si tratta di un giorno storico per una maggiore giustizia nel calcio”. Il presidente della Fifa Gianni Infantino non hai mai nascosto di essere un fautore della Var e da Zurigo plaude alla decisone dell’Ifab che ha approvato all’unanimita’ l’impiego della Var. L’ausilio tecnologico per gli arbitri potra’ essere usato al prossimo Mondiale, a condizione che il Consiglio della Fifa lo approvi, il prossimo 16 marzo a Bogota’. Ma dovrebbe trattarsi di una formalita’. L’altra novita’ di Russia 2018 sara’ la possibilita’ di effettuare una quarta sostituzione durante i tempi supplementari. L’Ifab, unico organismo autorizzato a modificare le regole del calcio, ha preso questa decisione dopo due anni di esperimenti condotti in una dozzina di paesi. Ma la notizia del giorno e’ quella sulla cosiddetta ‘moviola in campo’ che, dopo decenni di discussioni e due anni di test ufficiali, e’ diventata realta’. A convincere i solitamente conservatori membri dell’Ifab, il peso delle cifre e le conclusioni di uno studio dell’Universita’ di Leuven, in Belgio. Su quasi mille partite esaminate, con l’ausilio della Var la percentuale di decisioni corrette degli arbitri e’ passata dal 93 per cento al 98,8 per cento. Altro dato significativo, grazie alla Var, gli errori rilevanti degli arbitri sono passati da uno ogni tre gare ad uno ogni 19 partite. “Nel 2018 non e’ concepibile che la piu’ importante competizione sportiva al mondo possa essere potenzialmente decisa da un errore arbitrale – ha commentato Infantino -. Certo, la perfezione non esiste e c’e’ ancora tanto da lavorare ma siamo convinti che la Var sia buona per l’arbitraggio ed il calcio in generale”. L’ex arbitro David Elleray, ora responsabile tecnico dell’Ifab, ha spiegato che la Var “assicura un interferenza minima per un beneficio massimo”.

Leggi anche:
Champions, Lukaku salva l'Inter al 90': 2-2 con il Borussia. Fantastica Atalanta

Pur ricordando che “l’accuratezza della decisione deve sempre prevalere sulla velocita’”, Elleray ha spiegato che la Var ferma il gioco per 55 secondi in media ogni partita, mentre si perdono piu’ di 7 minuti a gara per i falli laterali. Infatti, e l’Ifab lo ha ricordato, la Var deve servire solo a correggere le ingiustizie causate da “errori chiari ed evidenti o da seri incidenti sfuggiti all’arbitro”. I campi di applicazione restano quattro: i gol, i calci di rigore, le espulsioni dirette e gli errori di persona. “L’arbitro restera’ il personaggio centrale. La sua autorita’ non verra’ scalfita dall’ausilio della tecnologia, al contrario”, garantisce Pierluigi Collina, presidente della commissione arbitrale Fifa. Rimane la questione della comunicazione agli spettatori e ai telespettatori, spesso confusi quando entra in gioco la Var. In quest’ambito, la Fifa sta studiando la possibilita’ di trasmettere le immagini Var sugli schermi giganti del Mondiale russo. Ed e’ stato anche sottolineato che se l’ausilio tecnologico ha convinto, molto si deve alla Figc, uno dei principali campionati nei quali e’ stata sperimentata, assieme a quello tedesco. “L’ottimo lavoro svolto in Italia ha certamente contato nell’odierna decisione dell’Ifab”, hanno detto sia Massimo Busacca, capo degli arbitri della Fifa, sia Zvonimir Boban, segretario generale dell’ente calcistico mondiale. L’impiego della Var non sara’ ovviamente obbligatorio. Si tratta solo di una possibilita’ offerta agli organizzatori delle competizioni. “Non potra’ utilizzarla – avverte Collina -. Le federazioni interessate dovranno prima ricevere il via libera dalla Fifa e dall’Ifab. La qualita’ deve essere garantita”. Intanto pero’ continua ad esserci la rinuncia dell’Uefa ad utilizzare la Var nella Champions League. “Non significa che la Uefa sia contraria alla tecnologia. Semplicemente, attualmente non siamo pronti ad impiegarla. Non si puo’ improvvisare. Mi sembra un bel segno di onesta’”, ha commentato Collina.

Leggi anche:
Champions League, la Lazio affonda il Borussia Dortmund

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti