Alfonso Bonafede, volo di Stato d’oro per andare da Napoli a Roma

Alfonso Bonafede, volo di Stato d’oro per andare da Napoli a Roma
Alfonso Bonafede
25 maggio 2020

Ha percorso duecento chilometri per dieci mila euro. L’aereo di Stato è decollato lo scorso 27 febbraio da Napoli per atterrare a Roma per motivi di “sicurezza” e non “istituzionali”, riportano i documenti. A bordo, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Il pentastellato duro e puro che ha sempre puntato il mirino sulla casta per gli sprechi della politica e soprattutto per l’uso dei voli blu con cui, però, dopo due anni al governo oramai ha un buon feeling. Quindi il comodo aereo e non la macchina, per tornare a Roma da Napoli.

Poco più di 200 km percorribili in meno di due ore, facendo risparmiare denaro agli italiani e forse avrebbe guadagnato tempo, dato che “è stato necessario ricorrerci perché era in corso alla Camera la votazione finale della conversione in legge del decreto sulle intercettazioni promosso proprio dal ministro”, ci dichiara il suo ufficio stampa. Per la cronaca, Bonafede in quella giornata di sole del 27 febbraio ha partecipato a un vertice Italia-Francia. Vertice “lasciato anticipatamente alle 18,30 circa” affinché “gli consentisse di essere presente in aula prima del definitivo voto finale sul suo provvedimento previsto da programma dei lavori parlamentari per le 20”, ci scandisce sempre l’ufficio stampa di Bonafede.

Insomma, anche quel 27 febbraio, il ministro della Giustizia è riuscito nel capolavoro di bucare sia il vertice con la Francia a Napoli, visto che non si è fermato per lo scambio dei documenti protocollari e illustrazione intesa (di cui non è stata data quindi notizia) per la conferenza stampa congiunta Conte-Macron delle ore 19. Ma allo stesso tempo ha bucato il finale di seduta sul ddl intercettazioni alla Camera, perché essendo stato assente a tutte le votazioni e anche al momento in cui il governo doveva fornire il suo giudizio finale, non gli è stata data la parola come lui aveva chiesto arrivando trafelato dopo la votazione. E così, grazie a Bonafede, in due mesi gli italiani hanno sborsato 10 mila euro come “vuoto a perdere” e incassato un pessimo decreto contro le scarcerazioni facili dei boss, perché tutti sappiamo come è finita. Mentre grazie a Matteo Renzi, gli italiani continuano ad avere il Guardasigilli pentastellato.

Leggi anche:
Trattativa Autostrade-governo, schiaffo di Atlantia a Conte
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti