“Attacco omicida”, auto piomba sui pedoni a Treviri: almeno 4 morti e 15 feriti

“Attacco omicida”, auto piomba sui pedoni a Treviri: almeno 4 morti e 15 feriti
1 dicembre 2020

Un’automobile ha investito un gruppo di passanti nella città tedesca di Treviri; il bilancio provvisorio delle vittime è di almeno quattro morti e una quindicina di feriti, alcuni in condizioni critiche. Ma potrebbe essere più grave: infatti, la polizia tedesca – per bocca del portavoce Karl-Peter Jochem – parla adesso di “diversi morti” e “un numero elevato di feriti gravi e gravissimi.

Secondo le prime ricostruzioni un Range Rover che viaggiava alla velocità di 70/80 km orari ha investito alcuni passanti. La persona alla guida del suv è stata arrestata, conferma la polizia: si tratterebbe di un cittaidno tedesco di 51 anni. Il sindaco della città che diede i natali a Karl Marx, Wolfram Leiber, ha riferito che si è trattato di un “folle attacco omicida”, parlando della zona pedonale come “una guerra”. Leiber ha raccontato di aver camminato nel centro della città, “è stato orribile. Era uno spettacolo di orrore. C’è una scarpa da ginnastica lì… la ragazzina che la indossava è morta”.

La polizia ha invitato i cittadini della città della Renania-Palatinato a evitare la zona. Il movente non è ancora chiaro. Non è chiara la matrice di quello che è accaduto. “Non siamo ancora in grado sui moventi di quanto avvenuto, se si tratti di terrorismo e qualcosa di analogo”, ha detto alla Bild il direttore della sala stampa della polizia di Treviri, Uwe Konz. La governatrice del Land della Renania Palatinato, Malu Dreyer, è attesa oggi stesso a Treviri e si dice “sconvolta” di quanto accaduto. “Quello che è successo a Treviri è scioccante”. A dichiararlo è stato il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, su Twitter. “Il pensiero va alle famiglie delle vittime, ai tanti feriti e a tutti coloro che in questo momento sono in servizio per prendersi cura delle persone colpite”, ha aggiunto.

Leggi anche:
In Belgio primo caso in Ue variante sudafricana
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti