Attacco troll russi contro Mattarella, indaga il Copasir

Attacco troll russi contro Mattarella, indaga il Copasir
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
3 agosto 2018

Della vicenda degli attacchi web al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dietro i quali si sospetta l’azione di troll russi, si occupera’ il Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica. La vicenda, emersa grazie ad un articolo del Corriere della Sera, ha infatti contorni tutti da chiarire. In sostanza, nella notte tra il 27 e il 28 maggio, le ore del “no” pronunciate dal Colle su Savona ministro dell’Economia, su Twitter si registravano nel giro di pochissimi minuti circa 400 nuovi profili, tutti riconducibili a un’unica origine.

E da questi profili sono partiti migliaia di messaggi che tra insulti e inviti a dimettersi, erano tutti indirizzati contro lo stesso obiettivo: Mattarella. Il fatto, assolutamente anomalo, e’ stato segnalato alla polizia postale, che ha potuto stabilire come la fonte sia una sola. Il dubbio che serpeggia e’ che dietro ci siano operatori russi, gli stessi protagonisti del Russiagate che hanno compiuto azioni di disturbo durante la campagna elettorale americana, specializzati nella fabbricazione di troll, soggetti anonimi che sui social lanciano ad arte messaggi provocatori. Un dubbio che lunedi’ prossimo entrera’ nella sala di Palazzo San Macuto dove si riunisce il Copasir, a cui il deputato del Partito democratico Michele Anzaldi chiede di svolgere “un’indagine approfondita”.

Leggi anche:
Renzi: video diffamante contro miei figli, denuncio

Per quel giorno e’ prevista l’audizione del direttore del Dis, Alessandro Pansa, e in quest’occasione i parlamentari che compongono il Comitato potranno chiedere informazioni e valutazioni. Anche nella precedente legislatura il Comitato aveva sollecitato i direttori dell’intelligence a riferire su possibili tentativi dall’estero di influenzare via web le competizioni elettorali italiane, senza che tuttavia fossero emerse evidenze. Ora c’e’ un caso specifico su cui far luce che investe la prima carica dello Stato. “Chiedero’ ai colleghi del Pd che fanno parte del Comitato – annuncia Anzaldi – di valutare la richiesta di audizione dell’ambasciatore americano, dell’ambasciatore russo, dei vertici dei servizi segreti italiani, del capo della polizia postale, del presidente del Consiglio Conte, del ministro degli Esteri Moavero, della ministra della Difesa Trenta.

Anche la deputata Lia Quartapelle vuole che “il governo convochi l’ambasciatore russo per chiedere come stanno contrastando gli attacchi che partono dal loro territorio”. Ma il Partito democratico, attraverso il senatore Dario Parrini, chiede anche che sulla vicenda il premier Conte riferisca in Parlamento. E Matteo Renzi insiste perche’ sia costituita subito una commissione d’inchiesta per far luce su cosa sia davvero accaduto e si chiede come mai nelle campagne elettorali e referendarie “tweet e post sono tutti contro il Pd”. “Con quale dignita’ – aggiunge in un tweeet – rifiutano di fare Commissione inchiesta sulle #FakeNews?”.

Leggi anche:
Emergenza economica 'post coronavirus', ipotesi governo Draghi agita la politica

Sulla stessa linea Marco Di Maio, deputato del Partito democratico: “Se confermate, questo tipo di interferenze rappresenterebbero un vero e proprio attentato alla democrazia italiana e a i suoi cardini, come nel caso del presidente della Repubblica. Da parte nostra, lavoreremo per l’istituzione di una specifica commissione parlamentare, per analizzare il fenomeno e individuare le possibili strategie di contrasto”. E ancora: “chiediamo anche che il governo dia un segnale di grande attenzione, il Capo dello Stato non puo’ difendersi da solo in una vicenda che ha implicazioni di sicurezza nazionale e internazionale”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti