Attentato sul London Bridge, due morti e diversi feriti

Loading the player...
30 novembre 2019

L’uomo che sul London Bridge ha ucciso due persone e ne ha ferite diverse altre con un coltello, è il 28enne Usman Khan, un ex detenuto, legato a gruppi islamisti, e condannato per reati legati al terrorismo. Secondo le informazioni l’uomo, ucciso poi dagli agenti intervenuti, era uscito dal carcere un anno fa e indossava un braccialetto elettronico. Eroico il comportamento dei passanti che lo hanno disarmato. È diventata virale la foto di un uomo che tiene in mano il coltellaccio sottratto all’attentatore. Secondo il Daily mail, sarebbe a sua volta un assassino in libertà vigilata. E proprio i passanti, armati di un estintore e di una zanna di narvalo (un cetaceo), sono riusciti a placcare Khan facendolo cadere a terra. I passanti “eroi”, che sul London Bridge hanno fermato il 28enne, ex detenuto che ha accoltellato diverse persone, uccidendone due, sul ponte simbolo di Londra. Nelle immagini diffuse sui social network, si vedono per la prima volta tre uomini inseguire il sospetto, ancora armato dei due coltelli. Uno di loro usa un estintore per destabilizzarlo, mentre un altro lo respinge con la zanna di narvalo, precedentemente sganciata da una delle pareti della Fishmonger’s Hall, la pescheria nelle vicinanze.

Secondo la polizia metropolitana di Londra, l’attacco sarebbe effettivamente iniziato in questo edificio dove si è tenuto un evento chiamato “Impara insieme”, una conferenza per la riabilitazione dei detenuti, a cui ha partecipato l’attentatore. Il giorno dopo l’attentato Boris Johnson ha elogiato quanti hanno avuto il coraggio di intervenire eroicamente e aggiunto parole di ringraziamento per le forze dell’ordine: “Sono tornato a parlare con i servizi di emergenza, a ringraziare la polizia per quello che hanno fatto e rendere omaggio al loro incredibile lavoro. Sono arrivati sul posto in 4 minuti e il terrorista, l’aggressore è stato placcato in 5 minuti, una risposta incredibile della polizia”. E mentre le bandiere del Regno Unito sono a mezz’asta per le vittime dell’attacco nel cuore di Londra, il primo cittadino, Sadiq Khan, ha affermato che “ieri abbiamo visto il meglio dei londinesi” e che è “fondamentale sostenere la polizia e i servizi di sicurezza”. Il premier Boris Johnson, favorito alle elezioni anticipate britanniche del prossimo 12 dicembre, ha commentato: “Questo paese non si farà mai intimidire, nè dividere dagli attacchi terroristici, i nostri valori, i nostri valori britannici prevarranno”.

Leggi anche:
'Ndrangheta, si dimette presidente Valle d'Aosta Fosson
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti