Bombardato raduno jihadista vicino Idlib, almeno 40 morti. Pentagono, attacco Usa

Bombardato raduno jihadista vicino Idlib, almeno 40 morti. Pentagono, attacco Usa
31 agosto 2019

Almeno 40 jihadisti sono stati uccisi oggi in un bombardamento vicino alla citta’ di Idlib, roccaforte dei ribelli islamici nella Siria nord-occidentale. Il raid ha preso di mira un incontro dei vertici dei gruppi Hourras al Din e Ansar al Tawhid, entrambi considerati come rami siriani dell’organizzazione terroristica Al Qaeda, all’interno di un campo di addestramento. “Sono morte 40 persone, tra cui alcuni leader jihadisti”, ha riferito dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, organizzazione con sede a Londra ma presente sul terreno con una rete di attivisti.

Sono state le forze americane a colpire il gruppo jihadista legato ad al-Qaeda nella regione di Idlib, dove da stamane le forze governative hanno dichiarato un cessate il fuoco unilaterale. Lo ha confermato un portavoce del Comando Centrale Usa, il colonnello Earl Brown, sottolineando che il raid e’ stato condotto contro un gruppo jihadista che e’ accusato di “attacchi contro cittadini americani, nostri partner e civili innocenti”. Missili hanno colpito una riunione di leader di Hurras al-Deen, Ansar al Tawhid e altri gruppi alleati, facendo almeno 40 morti, come detto.

Alcune parti della provincia nord-occidentale di Idlib e delle aree adiacenti delle province di Aleppo e Latakia sono assoggettate ai jihadisti di Hayat Tahrir al Sham (Hts, ex ramo siriano di al Qaeda) e ai gruppi ribelli di matrice islamica. Con la copertura delle forze aerospaziali russe, le truppe di Damasco hanno ripreso in questi giorni diverse localita’, tra cui la strategica citta’ di Khan Shaykhun, continuando la loro offensiva di terra lanciata l’8 agosto, dopo quattro mesi di incessanti bombardamenti.

Leggi anche:
L'allarme della Fondazione Gimbe: Dpcm insegue numeri del giorno, rischio nuovo lockdown
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti