Coronavirus, terza dose: “Niente rinvii per operatori sanitari”

Coronavirus, terza dose: “Niente rinvii per operatori sanitari”
26 settembre 2021

La situazione epidemiologica sul Covid-19 è in costante lieve miglioramento. Sostanzialmente stabili le terapie intensive, nuovo calo dei ricoveri. In cifre, secondo l’odierno bollettino del ministero della Salute, nelle ultime 24 ore, sono 3.099 i nuovi contagi da Sars-Cov-2 in Italia, che portano il totale a 4.660.314 da inizio pandemia. Le persone che hanno perso la vita sono 44 per un totale di 130.697 vittime. I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono 276.221.

Scarica l’odierno bollettino

Il tasso di positività sale a 1,12 per cento. Ieri erano 3.525 i nuovi casi e 50 i morti, con un tasso di positività appena sotto l’1% (0,99%). I guariti nelle ultime 24 ore sono 3.385, in totale 4.427.373. Le persone attualmente positive al Sars-Cov-2 sono 102.244 (-330), di queste 3.435 sono ricoverate in ospedale (-62 rispetto a ieri, quando erano 3497), in terapia intensiva ci sono 483 (+2 rispetto a ieri). Oggi sono entrate nel reparto di terapia intensiva 22 persone. In isolamento domiciliare positive al virus ci sono 98.326 persone.

Sul fronte vaccini, per la terza dose “non sono previsti rinvii per gli operatori sanitari”, dichiara Silvio Brusaferro, portavoce del Cts. “Nel costante perseguimento di un’ottica di massima precauzione, la somministrazione di un’ulteriore dose di vaccino viene indicata progressivamente per gli ultraottantenni, i residenti nelle Rsa, persone ultrafragili e operatori sanitari a partire da quelli più a rischio”, si legge in una nota. Le terze dosi sono già state somministrate a oltre 40mila persone.

Leggi anche:
Coronavirus, più tamponi meno contagi. Risalgono i morti ma terapie intensive sempre più vuote
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti