Coronavirus: superati 700mila casi nel mondo, oltre 33mila decessi

Coronavirus: superati 700mila casi nel mondo, oltre 33mila decessi
30 marzo 2020

Hanno superato quota 700mila i casi confermati di coronavirus nel mondo, secondo il contatore della Johns Hopkins University hanno raggiunto quota 704.095, con gli Usa primi per numero di contagi con 132.637 casi confermati, seguiti da Italia con 97.689 casi e dalla Cina, che dichiara 82.122 casi. Complessivamente i decessi legati alla pandemia nel mondo sono stati 33.509, in questo caso in cima alla graduatoria c’è l’Italia con 10.779 casi, seguita da Spagna, 6.606 decessi, e Cina, 3.182 vittime.

E proprio dagli Usa arriva l’allarme del sindaco di New York, Bill De Blasio, secondo cui la Grande Mela resterà a corto di dispositi medici chiave nella lotta alla pandemia da coronavirus nell’arco di una settimana e in particolare mancheranno i respiratori. “Qua a New York City sembra di vivere in tempi di guerra – da detto De Blasio – . Sarà una crisi lunga e dobbiamo prepararci”.

In Gran Bretagna, l’epidemia di coronavirus ha fatto registrare 209 decessi nelle ultime 24 ore: il numero totale delle vittime è ora di 1.228. I casi accertati di contagio sono 19.522, ovvero 2.443 più di ieri. Il premier britannico Boris Johnson ha inviato una lettera a tutte le famiglie in cui si afferma che misure ancora più stringenti potrebbero essere adottate di fronte all’epidemia di coronavirus; la missiva contiene anche un opuscolo che ricorda le regole in vigore sull’isolamento e alcune informazioni utili ad evitare il contagio.

“Fin dall’inizio abbiano cercato di adottare le misure appropriate nel momento appropriato, ma non esiteremo ad andare oltre in base alle raccomandazioni mediche e scientifiche”, si legge nella lettera inviata a 30 milioni di famiglie ad un costo – nota la Bbc – di 5,8 milioni di sterline. Inizialmente l’esecutivo conservatore aveva adottato un atteggiamento lassista di fronte all’epidemia, con Johnson che aveva addirittura avvertito che molte famiglie avrebbero dovuto rassegnarsi a delle perdite dolorose. Nel giro di 48 ore tuttavia il premier aveva dovuto fare marcia indietro, finendo per imporre l’isolamento in un Paese che attualmente registra oltre 17 contagi – compresi lo stesso Johnson e il principe Carlo – con oltre mille decessi.

Leggi anche:
Fase 2, in arrivo 60mila assistenti civici. Calenda: "Proposta ebete"

Il ministro portavoce del governo britannico, Michael Gove, ha avvertito i cittadini che “devono prepararsi a un periodo significatico di lockdown” per fare fronte alla pandemia di Covid-19. L’esponente di governo ha spiegato che “esistono diverse proiezioni su quanto potrebbe durare il blocco. Ma la durata non e’ qualcosa di definito”. “Dipende da tutto il nostro comportamento. Se seguiamo le linee guida, possiamo affrontare in modo piu’ efficace la diffusione della malattia”, ha aggiunto. Gove non esclude inoltre che saranno introdotte misure ancora più restrittive se lo dovessero chiedere gli esperti. Jenny Harries, vice Medical officer della Gran Bretagna ha detto che la vita non tornerà alla normalità prima di almeno sei mesi. Harries ha detto che le attuali misure di chiusure e confinamento saranno riesaminate fra tre settimane, ma ha avvertito che se venissero tolte troppo presto l’epidemia riprenderebbe forza.

In Svizzera, l’epidemia di coronavirus ha fatto registrare 235 decessi nelle ultime 24 ore: il numero totale delle vittime è ora di 257. I casi accertati di contagio sono 14.336, ovvero 1.123 più di ieri: la Svizzera è ora il sesto Paese europeo più colpito dopo Italia, Spagna, Germania, Francia e Gran Bretagna. Fino a nuovo avviso, il traffico ferroviario transfrontaliero da e per l’Italia è sospeso. Lo fanno sapere le Ferrovie Federali Svizzere (FFS) spiegando che la misura fa seguito a un’ordinanza emessa dalle autorità italiane. Il traffico merci non è interessato dal provvedimento. I treni della rete Tilo terminano la loro corsa all’ultima stazionepresente su suolo svizzero (ossia Chiasso e Stabio), ha affermato l’ufficio stampa delle FFS a Keystone-ATS.

Leggi anche:
Covid, idrossiclorochina aumenta rischi di morte

Le ferrovie invitano l’utenza a consultare l’orario online, che viene aggiornato regolarmente. Oltre al traffico regionale transfrontaliero, sono interessati dal blocco anche tre collegamenti EuroCity: Basilea-Briga-Milano, Ginevra-Briga-Milano e Zurigo-Milano. I corrispondenti treni terminano la loro corsa rispettivamente a Briga e Chiasso. I treni della rete Tilo terminano la loro corsa all’ultima stazionepresente su suolo svizzero (ossia Chiasso e Stabio), ha affermato l’ufficio stampa delle FFS a Keystone-ATS. Le ferrovie invitano l’utenza a consultare l’orario online, che viene aggiornato regolarmente. Oltre al traffico regionale transfrontaliero, sono interessati dal blocco anche tre collegamenti EuroCity: Basilea-Briga-Milano, Ginevra-Briga-Milano e Zurigo-Milano. I corrispondenti treni terminano la loro corsa rispettivamente a Briga e Chiasso.

In Spagna, è salito a 78.797 il numero dei casi accertati di coronavirus, 6.549 in più rispetto ad ieri. Il numero dei decessi nelle ultime 24 ore ha fatto segnare un nuovo record: 838 morti che portano il totale a 6.528 vittime. Sono invece 78.797 i casi positivi accertati con 4.907 persone in terapia intensiva e 14.709 guariti nel Paese. Intanto, in Australia, il premier Scott Morrison ha annunciato nuove misure restrittive per combattere la diffusione del’epidemia di coronavirus. A partire da lunedì verranno chiusi parchi e palestre, mentre gli ultrasettantenni dovranno rimanere confinati; saranno infine vietati gli assembramenti (definiti come riunioni di più di due persone).

Si registra anche il primo contagio in Russia. Il primo caso di coronavirus è stato confermato nella città siberiana russa di Irkutsk: la paziente è una donna di 62 anni che è recentemente tornata dagli Emirati Arabi Uniti, secondo quanto riferito dalle autorità regionali. “Il primo caso di contagio da coronavirus è stato ufficialmente confermato a Irkutsk. Una donna che è tornata a Irkutsk dagli Emirati Arabi Uniti è risultata positiva. Il volo è stato effettuato attraverso Novosibirsk”, ha dichiarato il governo regionale di Irkutsk. Aumenta il numero di casi positivi anche in Olanda e il numero dei decessi. Secondo quanto riferito dal ministero della Sanità, nei Paesi Bassi si registrano 10.866 contagi da coronavirus – 1.104 in più nelle ultime 24 ore – e 771 morti, 132 in più rispetto a ieri.

Leggi anche:
Coronavirus, in un giorno 119 vittime. E sempre meno contagi
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti