Covid-19, governatrice Tokyo chiede nuove restrizioni

Covid-19, governatrice Tokyo chiede nuove restrizioni
26 novembre 2020

A bar e ristoranti a Tokyo è stato chiesto di anticipare la chiusura per le prossime tre settimane per evitare un’ondata di casi di Covid a fine anno. La governatrice, Yuriko Koike, ha detto che i locali che servono alcolici, compresi i locali per il karaoke, dovrebbero abbassare le saracinesche entro le 22 da sabato fino al 17 dicembre. I governi nazionali e locali del Giappone non hanno i poteri legali per imporre chiusure di attività commerciali o lockdown stile quelli europei. Le aziende che rispettano la conformità avranno diritto a un pagamento una tantum di 400.000 yen (più di 3.000 euro) dal governo.

Le restrizioni richieste sull’orario di apertura sono le prime dalla fine di agosto, quando Tokyo ha dovuto affrontare una seconda ondata di contagi. I casi giornalieri sono aumentati di nuovo nelle ultime settimane, con 401 contagi ieri, dopo un record di 537 la scorsa settimana. La città ora ha un totale di 38.598 casi. Diverse parti del Giappone hanno assistito a un’ondata di nuovi contagi, spingendo il governo questa settimana a rimuovere Sapporo e Osaka da una campagna turistica sovvenzionata volta a sostenere le economie regionali durante la pandemia.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Coronavirus, Figliuolo: l'obiettivo è tutti a scuola in presenza


Commenti