Crocetta non fa valere diritti con Roma

4 maggio 2014

“Piuttosto che un governo regionale capace di far valere i diritti dei siciliani di fronte al governo nazionale ci ritroviamo con un esecutivo zerbino, in condizione di assoluta sottomissione nei confronti di Roma”. Lo afferma il presidente del gruppo parlamentare di Forza Italia al’Ars, Marco Falcone. “Il presidente Crocetta ha violato lo Statuto della Regione Siciliana e precisamente l’ultimo comma dell’art. 21 – sostiene Falcone – che consente al governatore della Regione di partecipare al Consiglio dei Ministri quando il governo nazionale tratta questioni afferenti alla Sicilia”. “Crocetta – continua il capogruppo – avrebbe dovuto, col rango di Ministro, partecipare al cdm e opporsi al varo del decreto legge n. 66 nella parte in cui sottrae, ingiustificatamente, alla Sicilia ben 200 milioni tra minori trasferimenti e nuovi tetti di spesa”. “Purtroppo ancora una volta – conclude Falcone – Crocetta dimostra incapacita’ e chiara negligenza, mettendo ulteriormente in ginocchio migliaia e migliaia di famiglie della Sicilia”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Speranza "anticipa" il nuovo decreto: proroga anti Coronavirus non sarà brevissima


Commenti