I cuissard, un must-have dell’autunno-inverno 2017

I cuissard, un must-have dell’autunno-inverno 2017
9 novembre 2017

Non è autunno che si rispetti senza un nuovo paio di stivali. Indumento di seduzione, e presenza fissa nel guardaroba femminile, conquistano tutti i tipi di donne, annche quelle meno “predatrici”. Esistono diversi tipi di stivali, ma tra i trend più cool di stagione e tra i modelli di boots che non possono mancare nel guardaroba i protagonisti indiscussi quest’anno sono i cuissardes, ossia gli stivali che arrivano sopra il ginocchio (e in alcuni casi persino a metà coscia), da scegliere in versione alta o bassa a seconda dell’occasione. Li abbiamo visti in moltissime forme: Prada li vuole anni ’70, “stondati”, rasoterra, aderenti e con le fibbie. Per Versace sfilano squadrati e avvolgenti come un paio di parigine; Fendi, Isabel Marant, Vietta e Aalto li dedicano alle vamp utilizzando colori accesi, soprattutto rosso fuoco; Michael Kors li presenta anni ’80, extra large con la punta e il gamble arricciato. Li vediamo anche in versione glitter argento da Saint Laurent, la stessa polvere di stelle ha conquistato anche le passerelle di Chanel e Marco De Vincenzo. Gucci, Belmain e Maison Margiela richiamano il mondo animalier in versione pitonata, mentre Ann Demeulemeester, Tod’s, Toga e Blugirl scelgono il gusto dark. I cuissard sono certamente un capo eccentrico e che non passa inosservato ma con o senza tacco, in pelle o velluto, morbidi o aderenti, sono un simbolo di femminilità indiscussa. Per uno stile invece più classico, si può puntare a occhi chiusi su un modello tradizionale in pelle nera, cuoio o cammello. Resiste anche la variante flat a tubo in stile cavallerizza, mentre per un tocco originale ci si può sbizzarrire col colore: come il rosso, ad esempio, nuance must-have dell’autunno-inverno 2017 anche in fatto di accessori.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Caso camici, Gdf acquisisce documenti su società della famiglia Dini

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti