Dialogo su Olimpiadi a Torino, dopo Grillo anche ok Salvini. E Roma sta a guardare

Dialogo su Olimpiadi a Torino, dopo Grillo anche ok Salvini. E Roma sta a guardare
Matteo Salvini, Beppe Grillo
11 marzo 2018

“Tutto quello che porta l’Italia a crescere e’ per noi ok. Ovviamente nel rispetto del territorio”. Dopo l’apertura di Beppe Grillo, anche Matteo Salvini si dice pronto a discutere di una candidatura di Torino per le Olimpiadi invernali del 2026. E c’e’ chi vede nella convergenza sul tema tra il garante Cinque Stelle e il leader della Lega le prove di un dialogo che presto potrebbe riguardare ben altri scenari, dalla presidenza delle Camere alla formazione del nuovo governo. Dopo il dossier della Camera di Commercio di Torino sulla possibilita’ di una Olimpiade a basso costo, e la promessa della sindaca Appendino di un “modello rivoluzionario”, le grandi manovre sono incominciate. Domani il Consiglio comunale del capoluogo piemontese, e martedi’ il Consiglio metropolitano, inizieranno a discutere le mozioni dei vari partiti per decidere la manifestazione d’interesse, preludio alla candidatura vera e propria. Divisi i Cinque Stelle, con l’ala ‘pura’ del movimento che chiede ironicamente a Grillo il raddoppio del tunnel di base del Tav, centrodestra e centrosinistra concordano sui Giochi come opportunita’ di sviluppo per tutto il territorio. Non senza puntare il dito contro “l’incredibile volatilita’ delle posizioni grilline”, per dirla con le parole del deputato di Civica Popolare Fabrizio Cicchitto, mentre il deputato Pd Franco Vazio ricorda il no del M5S per Roma: “Forse non si fidava della Raggi e dei suoi?”.

Leggi anche:
Politano-Spinazzola, niente accordo

Anche Salvini, a dire il vero, aveva bollato le Olimpiadi a Roma come una “follia”, ma era un’altra era politica, l’ipotesi di dare vita ad un governo lontana anni luce. Entro il 31 marzo Torino dovra’ comunicare al Cio, con lettera formale, l’interesse per i Giochi invernali del 2026, dando il via ad una fase di dialogo con l’organismo di governo dello sport mondiale che passa inevitabilmente dal Coni. Il presidente Malago’, nei giorni scorsi a sotto la Mole, non si e’ ancora espresso sull’ipotesi Torino. Lo fara’ soltanto a governo in carica e, probabilmente dopo avere ricevuto ampie garanzie sul suo sostegno alla candidatura per evitare un’altra figuraccia come quella di Roma. Ma c’e’ anche chi parla della possibilita’ di un ticket con Milano, citta’ cara a Salvini come Torino a Grillo. Il capoluogo lombardo starebbe gia’ lavorando al proprio dossier, per quanto le regole non consentano la candidatura della citta’ che ospita l’assemblea del Cio per l’elezione della ‘Host City 2026’, Milano appunto. Dopo i dietrofront di Grillo e Salvini, del resto, tante cose possono cambiare. I giochi sono soltanto all’inizio.

Leggi anche:
Caso Gregoretti, lunedì voto in Giunta. Salvini difende Casellati

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti