Filobus passa col rosso e centra un camion, muore una donna

Filobus passa col rosso e centra un camion, muore una donna
9 dicembre 2019

È morta la donna rimasta coinvolta sabato mattina in uno scontro a Milano tra un filobus dell’Atm e un camion per la raccolta rifiuti dell’Amsa. Si chiamava Shirley Calangi, di origine filippina, 49 anni ed era finita in coma in seguito all’incidente stradale, in cui sono rimaste ferite altre undici persone. L’azienda trasporti Atm è intervenuta con un comunicato: “Nell’apprendere che la passeggera gravemente coinvolta nell’incidente stradale di ieri è deceduta, esprime la sua profonda vicinanza ai familiari in questo momento di grande dolore”. Come emerso in seguito ai successivi rilievi e raccogliendo testimonianze, a provocare il grave sinistro sarebbe stato l’autista del filobus: Atm ha infatti confermato che “dalla ricostruzione della dinamica emerge che il filobus non abbia rispettato la precedenza semaforica”.

Atm “ha già aperto un’indagine interna ed è pronta a prendere tutti gli opportuni provvedimenti. La stessa azienda di trasporti “è impegnata da subito a fornire tutto il supporto necessario alla famiglia colpita da questo grave lutto”. I familiari della donna di 49 anni hanno dato il consenso alla donazione degli organi, come riferiscono fonti del Policlinico del capoluogo lombardo, dove era ricoverata. La donna era stata sbalzata dal filobus durante l’incidente. Soccorsa, le sue condizioni, anche questa mattina, erano apparse gravissime e irreversibili. Complessivamente nell’incidente sono rimaste coinvolte 18 persone, 12 delle quali sono state trasportate in ospedale e sei medicate sul posto.

Leggi anche:
Giulio Regeni, altro schiaffo dell'Egitto all'Italia. La famiglia: un fallimento l'incontro pm col Cairo

Il conducente del camion dell’Amsa, invece, è rimasto incastrato nell’abitacolo ed è stato estratto dai vigili del fuoco: ha probabilmente un femore fratturato. Altri passeggeri sono ricoverati in vari ospedali milanesi per contusioni, altri ancora sono stati soccorsi per stati d’ansia. Due minori sono stati medicati sul posto e affidati ai genitori. “Oggi non è una giornata semplicissima”, ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala, arrivando alla Scala per la Tosca che inaugura la stagione e aggiungendo: “Sono cose che ti fanno sentire impotente”. Le indagini degli agenti della Polizia locale di Milano partiranno dalle testimonianze dei conducenti, che si trovano in ospedale e dalle analisi delle telecamere della zona per essere raccolte in una relazione alla Procura che ipotizzerà perlomeno il reato di lesioni colpose a carico dei conducenti. L’incidente, che vede coinvolto un mezzo pubblico, è l’ultimo di una serie di disfunzioni e incidenti che hanno funestato un 2019 piuttosto ‘nero’ per i trasporti milanesi.

Soprattutto brusche frenate in metro che hanno causato feriti e contusi. L’ultima ieri sera alla stazione della centralissima piazza San Babila su convoglio della linea Rossa: 15 le persone coinvolte; 8 valutate sul posto dal personale del 118 e altre sette state trasportate al pronto soccorso. “No alla caccia ai colpevoli, ma sì alla definizione delle responsabilità e soprattutto delle soluzioni”, ha spiegato Sala. “Ho chiesto una relazione esaustiva ad Atm – ha aggiunto – che coinvolga anche i produttori degli impianti e dei treni”. “In questo caso, non mi voglio sbilanciare troppo, ma ho la sensazione che sia un problema derivante dai treni – ha proseguito il sindaco -. Detto ciò il tema non è scaricare la croce addosso a qualcuno, ma capire dove stanno i problemi perché una soluzione che metta in garanzia il sistema va trovata”.

Leggi anche:
Il timelapse è epocale: 10 anni di vita del Sole in 1 minuto
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti