Mafia, a Palermo detenuti ricordano morte La Torre e Di Salvo

Mafia, a Palermo detenuti ricordano morte La Torre e Di Salvo
27 aprile 2018

Uno spettacolo teatrale per ricordare il 36esimo anniversario dell’uccisione di Pio La Torre e Rosario Di Salvo. Protagonisti della giornata sono stati i detenuti dell’Ucciardone che hanno messo in scena, diretti da Lollo Franco, l’atto unico teatrale “Dalla parte giusta”, scritto da Gianfranco Perriera che racconta la detenzione per diciotto mesi di La Torre all’Ucciardone Torre per aver occupato, nel 1950, il feudo S.Maria del Bosco a Bisacquino. I detenuti sono stati accompagnati nella realizzazione della scenografia dagli studenti del Liceo artistico “Ragusa-Kyhoara” di Palermo e preceduti dal coro della Rete delle scuole “Bab al Gherib”. Erano presenti, tra gli altri, il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, il sindaco Leoluca Orlando. il vescovo di Palermo, don Corrado Lorefice, il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho e il procuratore generale di Palermo, Roberto Scarpinato.

“Ho sempre detto che l’Ucciardone è Palermo e Palermo è l’Ucciardone – ha commentato il sindaco Orlando -, un luogo dove esiste tutto il bene e tutto il male che c’è in questa città. Per questa ragione, esprimo il mio apprezzamento perchè qui abbiamo vissuto un momento di straordinaria positività ricordando le figure di Pio La Torre e di Rosario Di Salvo, Grazie all’impegno della sua direttrice e della polizia penitenziaria, oggi l’Ucciardone è un esempio per l’intera nazione”. Al termine dello spettacolo, infatti, si è svolta una cerimonia di intitolazione del Polo didattico dell’Ucciardone ed è stato inaugurato il pastificio del carcere con una degustazione di pasta “Ucciardone” del laboratorio “Gigliolab”.

Leggi anche:
Aggressione omofoba a Pescara, denunciato un ventenne

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti