Open Australia: debacle azzurra, Fognini salva Italia

Open Australia: debacle azzurra, Fognini salva Italia
Fabio Fognini
23 gennaio 2020

Matteo Berrettini e Jannik Sinner eliminati, Fabio Fognini al terzo turno. L’Italia del tennis si aggrappa all’usato sicuro per dare un senso a questa giornata degli Australian Open, altrimenti amara. Mentre Novak Djokovic si sbarazzava in scioltezza del giapponese Tatsuma Ito (6-1, 6-4, 6-2) e Roger Federer si allenava con il serbo Filip Krajinovic (6-1, 6-4, 6-1), cosi’ come Serena Williams con la slovacca Tamara Zidansek (6-2, 6-3), gli azzurri hanno sudato ore sui campi blu di Melbourne. Cinque set ha giocato Berrettini contro Tennys Sandgren. Nomen omen… lo statunitense ha vinto 7-6 (9/7), 6-4, 4-6, 2-6, 7-5 dopo tre ore e 23 minuti di lotta. Altrettanti set s’e’ sobbarcati Fognini, che pero’ alla fine ha eliminato l’australiano Jordan Thompson con il punteggio di 7-6 (7/4), 6-1, 3-6, 4-6, 7-6 (10/4), riuscendo a recuperare dopo aver sprecato un doppio vantaggio, al termine di una maratona durata oltre 4 ore. Che si somma a quella di martedi’ contro Opelka, anche lui superato al super tie-brek. “Dopo essere andato avanti 2-0 ho giocato malissimo – ha riconosciuto Fognini – anche perche’ lui serviva alla grande. Ma e’ piu’ bello vincere cosi’ che con un facile 3-0”.

Piu’ rapido, ma non per questo indolore, l’arrivederci di Sinner. Il 18enne altoatesino, che per la prima volta giocava il secondo turno di un torneo Major, ha ceduto all’ungherese Marton Fucsovics 6-4, 6-4, 6-3 opponendo scarsa resistenza al numero 67 del mondo. “Ho perso per una palla, per cui devo ripartire dal fatto che ero riuscito a rimettere in piedi un match che qualche mese fa non avrei riaperto e dal quale devo quindi ricavare aspetti positivi” ha commentato Berrettini, riferendosi alle tre palle-break non sfruttate nel quinto parziale. Il romano in effetti non ha mai smesso di lottare, nemmeno quando si e’ trovato in doppio svantaggio. Nonostante la condizione fisica non ottimale. All’orgoglio di aver riaperto una partita persa non puo’ invece appellarsi Sinner. La fiammata di inizio terzo set, quando ha strappato il servizio a Fucsovics salendo 2-0, e’ stata immediatamente spenta dal contro-break dell’ungherese.

“Sono molto deluso – ha ammesso lui – Anche se ho perso il servizio sempre dalla stessa parte del campo perche’ non sono stato capace di gestire il vento contrario, non voglio aggrapparmi a scuse: Fucsovics ha giocato semplicemente meglio. Sono giovane e ho ancora tanto da imparare. In questo senso la trasferta australiana mi ha aiutato. Anche oggi ci sono piu’ aspetti positivi che negativi”. Fognini, da par suo, si e’ innervosito il giusto senza pero’ perdere di vista l’obiettivo: portare a casa un match che dopo un’ora e mezza sembrava gia’ vinto, nonostante l’intervento del trainer per un problema alla caviglia sinistra. Ma la veemente reazione di Thompson, aiutato dal servizio che fin li’ l’aveva tradito, ha messo in difficolta’ il ligure, le cui accelerazioni sono finite sempre piu’ spesso fuori campo. Cosi’ a decidere il match e’ stato il super tie-break. Fognini ha accumulato un tesoretto di cinque match-point consecutivi. Gli e’ bastato il primo (10-5), grazie al rovescio lungolinea vincente.

Leggi anche:
Coppa del Mondo, Brignone vince combinata di Crans Montana
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti