Pentagono: difficile scacciare i russi dal Donbass. Zelenskiy: lì c’è l’inferno

Pentagono: difficile scacciare i russi dal Donbass. Zelenskiy: lì c’è l’inferno
20 maggio 2022

Il Pentagono ha avvertito che, nonostante i successi delle forze ucraine a Kharkiv, l’esercito russo sta riuscendo a rafforzare il controllo sul Donbass e sul sud del Paese, il che significa che il conflitto potrebbe durare a lungo. Le forze russe continuano ad avere problemi con la coesione, il morale delle truppe e la logistica, ha detto un alto funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, senza confermare le purghe all’interno del comando militare russo citate da Londra. Ma “rimarremo molto cauti nelle nostre previsioni”, ha aggiunto.

“Siamo assolutamente determinati a fare di tutto per aiutare gli ucraini a difendersi, compreso l’addestramento all’uso delle capacità che forniamo loro”, ha affermato l’alto funzionario, che ha chiesto l’anonimato. “Si comportano molto bene sul campo di battaglia, non hanno problemi di coesione, non hanno problemi di comando, la loro logistica e le loro forniture sono davvero storiche”, ha aggiunto. “Ma i russi hanno ancora a loro disposizione una parte significativa delle capacità che avevano accumulato dall’autunno” ai confini dell’Ucraina, ha sottolineato.

Anche il presidente dell’Ucraina ha dato una terribile valutazione della situazione nel Donbass. “C’è l’inferno, e non è un’esagerazione”, ha detto Volodymyr Zelenskiy, affermando “il brutale e assolutamente inutile bombardamento di Severodonetsk… 12 morti e decine di feriti in un solo giorno. I bombardamenti e i bombardamenti di altre città, gli attacchi aerei e missilistici dell’esercito russo: tutto questo non è solo ostilità bellica”. Zelenskiy ha tracciato lo scenario bellico: “Attacchi russi nella regione di Chernihiv, in particolare il terribile sciopero di Desna, continua lo sgombero dei detriti, molti morti; attacchi continui nella regione di Odesa, nelle città dell’Ucraina centrale, il Donbas è completamente distrutto – tutto ciò non ha e non può avere alcuna spiegazione militare per la Russia” ha continuato il presidente ucraino.

Leggi anche:
L'eurodeputato Carlo Fidanza (FdI) indagato per corruzione

“Questo è un tentativo deliberato e criminale di uccidere il maggior numero possibile di ucraini. Distruggi quante più case, strutture sociali e imprese possibili. Questo è ciò che sarà qualificato come il genocidio del popolo ucraino e per il quale gli occupanti saranno sicuramente assicurati alla giustizia” ha detto ancora il presidente ucraino. Mentre la guerra si trascina, Zelenskiy ha anche affermato che “il deficit di bilancio mensile in Ucraina ora è di 5 miliardi di dollari. E per sopportare la guerra per la libertà, abbiamo bisogno di un sostegno finanziario rapido e sufficiente”. “E non sono solo le spese o un regalo dei partner – ha puntellato -. Questo è il loro contributo alla loro stessa sicurezza”.

La Nato, dal canto suo, sostiene che la Russia non ha raggiunto i suoi obiettivi militari in Ucraina. A dirlo è il segretario generale dell’Organizzazione, Jens Stoltenberg, secondo il quale l’esercito di Mosca “ha dovuto abbandonare Kiev e Kharkiv”. Inoltre, ha spiegato, “l’offensiva nel Donbass è in fase di stallo”. Nonostante questo, però, “non crediamo che il Cremlino abbia rinunciato ai suoi piani e dunque dobbiamo prepararci a sostenere l’Ucraina sul medio e lungo periodo”, ha concluso Stoltenberg.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti