Sale a 60 numero degli indagati per il crollo del ponte Morandi

Sale a 60 numero degli indagati per il crollo del ponte Morandi
8 marzo 2019

Sale ad una sessantina il numero degli indagati per il crollo di Ponte Morandi a Genova, in cui lo scorso 14 agosto persero la vita 43 persone. Da ieri la Guardia di Finanza sta infatti notificando quasi 40 nuovi avvisi di garanzia ad altrettanti dirigenti e tecnici di Autostrade per l’Italia, della controllata Spea Engineering e del Ministero delle Infrastrutture, con l’accusa di omicidio colposo plurimo, disastro colposo e attentato alla sicurezza dei trasporti.

I nuovi indagati, alcuni dei quali sarebbero accusati anche di falso, si aggiungono alle 21 persone già iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Genova, oltre alle due società Autostrade per l’Italia e Spea Engineering. Secondo quanto trapelato, i nuovi nomi sarebbero emersi andando a ritroso nelle indagini fino ai primi anni ’90, periodo nel quale furono eseguiti i primi lavori di retrofitting sulla pila 11 del viadotto crollato.

Leggi anche:
Salvini: parole squallide, se Conte e Di Maio insistono querelo. Il premier: "Mai parlato di mercato delle vacche"

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti