Serena Grandi: “Per 4 padelle casa pignorata ma sono innocente”

Serena Grandi: “Per 4 padelle casa pignorata ma sono innocente”
L'attrice Serena Grandi
18 dicembre 2017

Casa pignorata e accusa di bancarotta. E’ quanto è accaduto a Serena Grandi che racconta il suo investimento sbagliato che risale al 2015 quando ha chiuso il ristorante “La Locanda di Miranda” che l’attrice aveva aperto a Rimini con i soldi del risarcimento per ingiusta detenzione dopo che era stata archiviata l’inchiesta per spaccio che l’aveva fatta restare sei mesi ai domiciliari. E qualche giorno fa è arrivato il rinvio a giudizio per bancarotta fraudolenta: la Grandi è accusata di aver distratto beni (padelle e stoviglie) per un valore di 1400 euro dal fallimento della società. “C’è stato un grosso equivoco”, spiega oggi al quotidiano “Giorno”, “Perché avrei dovuto sottrarre i piatti e padelle del ristorante, fra l’altro di valore irrisorio? Sono stati confusi i miei beni personali con quelli del ristorante”.

Leggi anche:
Covid, oltre 12 milioni di casi nel mondo. Possibile trasmissione madre-neonato

E sul rischio di perdere la casa aggiunge: “Ho fatto tanti sacrifici, continuerò a farli per me e per mio figlio. Prima ancora che attrice sono una donna e una madre, difenderla mia casa, che è l’unica che possiedo”. “E se devo dirla tutta, secondo me non c’erano neppure i presupposti per dichiarare la mia società fallita”, accusa, “So che c’è tanta invidia, che è facile pensare male. Io sono abituata a onorare i debiti, come mi hanno insegnato i miei genitori. Certo, il ristorante è stata una perdita, ma la vicenda mi ha turbato emotivamente più che economicamente. Io continuo a lavorare: ricevo diverse offerte e mi chiamano spesso come ospite in tv. Io non ho rubato a nessuno, sono stata derubata. Ho solo sborsato soldi per il ristorante e ora mi vogliono processare per quattro padelle? E allora tutte le banche che hanno messo in ginocchio i loro clienti? Sono innocente, e avrò tempo e modo per dimostrarlo”.

Leggi anche:
Mose, prima prova generale per le 78 dighe mobili

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti