Zangrillo: coronavirus da punto di vista clinico non esiste più

Zangrillo: coronavirus da punto di vista clinico non esiste più
Alberto Zangrillo
31 maggio 2020

 “Il virus dal punto di vista clinico non esiste più”. L’annuncia arriva dal professore Alberto Zangrillo, direttore di Terapia Intensiva al San Raffaele di Milano, intervenuto oggi in una trasmissione televisiva della rai. “Che il virus dal punto di vista clinica non esista più lo dice l’università Vita e Salute del San Raffaele, lo dice uno studio fatto dal virologo direttore dell’Istituto di virologia, professor Clementi, lo dice insieme alla Emory University di Atlanta, il professor Silvestri: i tamponi eseguiti negli ultimi dieci giorni hanno risultati con una carica virale dal punto di vista quantitativo infinitesimale rispetto ai tamponi eseguiti sui pazienti un mese fa”, ha spiegato Zangrillo.

Già nei giorni scorsi lo stesso Zangrillo aveva sostenuto che il virus era meno letale. “Troppi – aveva affermato – hanno parlato di sofferenza fisica senza averla mai vista” e “oggi dopo diverso tempo serve non terrorizzare più le persone perché la carica virale è diminuita come attestano i tamponi”. Il direttore di Terapia Intensiva al San Raffaele di Milano aveva inoltre sottolineato: “Attestiamo che il virus non è mutato ma che forse sta risentendo dei fattori ambientali e delle temperature”.

Tuttavia, il direttore aveva ricordato che “serve obbligare gli over 65 a vaccinarsi anche per la polmonite oltre che per l’influenza perché potrebbero ripresentarsi altre epidemie”. “Ma dobbiamo essere seri e non continuare a terrorizzare la gente visto che solo oggi al San Raffaele abbiamo attestato solo 4 positivi al covid19 ma tutti con fattori lievi”, aveva concluso “perché la gente che sta male deve tornarsi a curare in ospedale, onde evitare che possano aggravarsi”.

Leggi anche:
Coronavirus: salgono ancora i nuovi positivi, cala il numero dei morti. Iss: "Occorre mantenere la cautela"
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti