“Ancora poche denunce. Tanta strada da fare”

23 giugno 2014

“Grande operazione di magistratura e forze dell’ordine. Lo Stato, ancora una volta, ha dimostrato di essere più forte dell’antistato, smantellando un mandamento strategico per Cosa nostra. La mafia, pur se in enorme difficoltà, cerca di rigenerarsi puntando non più soltanto alle estorsioni, ma al controllo tout court delle attività commerciali. È per questo che non è possibile abbassare la guardia ed è un dovere di ogni imprenditore sostenere magistratura e forze dell’ordine in questa battaglia. Di certo, il fatto che su una trentina di estorsioni accertate, ci sia stata una sola denuncia, dimostra che ancora c’è tanta strada da fare. L’auspicio di Confindustria Sicilia è che le denunce possano essere sempre più numerose, perché solo così sarà possibile muoversi in un mercato libero”. Lo afferma Antonello Montante, presidente di Confindustria Sicilia, commentando la maxi operazione antimafia ‘Apocalisse’, che stamattina ha portato all’arresto di 95 persone tra capi e gregari dei mandamenti mafiosi di Resuttana e San Lorenzo, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento. “Un plauso – aggiunge Montante – va alla Dda di Palermo, che ha coordinato le indagini di Squadra mobile, Reparto operativo del comando provinciale di carabinieri e nucleo di polizia valutaria della Guardia di Finanza”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Caso camici, Gdf acquisisce documenti su società della famiglia Dini

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti