Cresce senza sosta la diffusione del Covid-19, più contagiati e più morti. Gimbe: a Natale stima 10 mila in ospedale, cifra gestibile

1 ottobre 2020

Cresce senza sosta la diffusione del Covid-19 in Italia. Secondo l’odierno bollattino del ministero della Salute, nelle ultime 24 ore si sono registrati 2548 (1851 ieri) nuovi positivi e 24 morti (ieri 19). Sale di molto, rispetto a ieri, anche il numero degli attuali positivi. Oggi sono 1384 in più, complessivamente 52.647. Diminuisce di poco invece il numero dei guariti: oggi sono 1140, ieri erano 1198. In merito ai ricoveri, sono 3097, 50 più di ieri, le persone accolte negli ospedali italiani con sintomi del Covid-19. Sono 291 (ieri 280) invece il numero dei ricoverati nelle terapie intensive. In forte salita, + 1323, anche il numero delle persone attualmente in isolamento domiciliare: oggi sono 49259, ieri 47.936.

Sul fronte tamponi, sempre nelle ultime 24 ore in Italia sono stati effettuati 118.236, 12672 più di quelli registrati ieri. Complessivamente da inizio pandemia Covid-19, ne sono stati fatti 11.452.158. Grazie al sospetto diagnostico, fino ad oggi sono stati scoperti 249.940 positivi, mentre le attività di screening ne hanno trovati, fino ad oggi, complessivamente 67.469. E sempre dal bollettino ministeriale, emerge che è il Veneto, con 445 nuovi positivi (ieri 155) la regione italiana che nelle ultime ore ha fatto registrare il numero più alto di contagi. In Campania sono 390 (ieri 287) mentre un brusco salto nel numero dei contagi si registra anche in Lombardia dove si registrano 324 nuovi positivi (ieri 201). Nel Lazio i nuovi positivi sono 265. Le regioni con il numero inferiore di contagi sono il Molise e la Valle d’Aosta, con un caso solo.

FONDAZIONE GIMBE

Lo scenario “tsunami” Covid-19 di febbraio e marzo scorsi “non dovremmo più riviverlo, perché la curva dei contagi è monitorata e non ci sono carenze di dispositivi. È impossibile ipotizzare una seconda ondata come la prima, ma dobbiamo entrare nell’ottica che dal 3 giugno siamo ripartiti dal via e stiamo monitorando la risalita della curva. Poi, complice una estate un po’ troppo allegra, con decisioni che non dovevano essere prese, come la riapertura delle discoteche, la curva è risalita da 1.400 casi a settimana a 1.400 al giorno, anzi ora la media è 1.700”. È quanto dichiara il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, intervenendo al Forum Sistema Salute, in corso di svolgimento a Firenze. “Con questo ritmo di crescita lineare e non esponenziale – sottolinea -, potremmo arrivare a Natale a 9-10 mila ospedalizzati, con mille pazienti in terapia intensiva, una cifra gestibile. Previsioni per i mesi successivi ora non possiamo farle”.

 

LO SCENARIO PER REGIONE

LOMBARDIA

Sono 324 i nuovi positivi al coronavirus in regione Lombardia, l’1,3% dei 24.691 tamponi processati nell’ultima giornata. I decessi sono 5, con 16.960 morti da inizio emergenza. I ricoverati in terapia intensiva salgono a 35 (+1 da ieri), con i pazienti negli altri reparti che calano a 298 (-8 in una giornata). Il maxi aggregato guariti-dimessi sale a 80.924 (+212 da ieri), con 1.505 dimessi e 79.419 guariti.

VENETO

Sono 306 i positivi a coronavirus di oggi in Veneto, per un totale di 3965 attualmente positivi. Lo comunica il bollettino serale della Regione Veneto. Sono 24 le persone in terapia intensiva, 180 i ricoverati.

ALTO ADIGE

I laboratori dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige hanno accertato 29 nuovi casi di positività. Il dato proviene dalla valutazione, nelle ultime 24 ore, di 1.734 tamponi. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria, le persone trovate positive al coronavirus sono quindi 3.568. In totale, in Alto Adige, sono stati stati effettuati 178.242 tamponi su 92.681 persone (920 persone in più rispetto ad ieri). Venticinque casi sono stati rilevati all’Alupress di Bressanone. Li riferisce la stessa azienda specializzata nei componenti pressofusi in alluminio, dopo l’effettuazione volontaria di oltre 300 test tra i propri collaboratori a seguito di un primo caso poco più di una settimana fa.

TRENTINO

Sono 48 in nuovi casi positivi oggi in Trentino, secondo il rapporto quotidiano dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari. Di questi 6 sono sintomatici e gli altri 42 individuati dall’attività di contact tracing. I tamponi analizzati ieri sono stati 1.883. Quindici sono i pazienti che devono ricorrere alle cure ospedaliere, uno in più rispetto a ieri. Una quindicina di casi è legata alle indagini condotte fra i raccoglitori di frutta, ed un numero analogo invece è collegato a contagi avvenuti in ambiti familiari. Infine, emerge anche oggi un caso legato ai cluster della filiera alimentare mentre devono ricorrere alle cure ospedaliere 15 pazienti, uno in più rispetto a ieri.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Le persone attualmente positive in Friuli Venezia Giulia sono 778. Quattro pazienti sono in cura in terapia intensiva, mentre 20 sono ricoverati in altri reparti. Non sono stati registrati nuovi decessi, il cui totale rimane a 351. Lo ha comunicato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Oggi sono stati rilevati 57 nuovi contagi; quindi, analizzando i dati complessivi dall’inizio dell’epidemia, le persone risultate positive al virus sono 4.723: 1.613 a Trieste, 1.584 a Udine, 1.053 a Pordenone e 454 a Gorizia, alle quali si aggiungono 19 persone da fuori regione. I totalmente guariti ammontano a 3.594, i clinicamente guariti sono 19 e le persone in isolamento 735. I deceduti sono 198 a Trieste, 77 a Udine, 69 a Pordenone e 7 a Gorizia.

Leggi anche:
Coronavirus nel mondo, oltre 42 milioni di contagi. Più di 6 mila morti in 24 ore

LIGURIA

Sono 111 i nuovi casi di positività in Liguria, secondo il bollettino diffuso dalla Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 3597 tamponi, 313.964 da inizio emergenza. In ospedale sono ricoverate 173 persone, 8 in più di ieri. Di queste, 21 sono in terapia intensiva. Le vittime sono 1608, 4 in più di ieri: si tratta di 3 donne di 86, 95 e 101 anni, oltre ad un uomo di 51 anni.

EMILIA ROMAGNA

L’Emilia Romagna ha registrato nelle ultime 24 ore 103 nuvi positivi di cui 51 asintomatici. Più o meno la metà dei casi, individuati grazie al tracciamento dei contatti e agli screening regionali. Il totale dei positivi al Covid dall’inizio dell’epidemia sale quindi a quota 35.414. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono 8.418, per un totale di 1.184.856. A questi si aggiungono anche 3.015 test sierologici. Fortunatamente nelle ultime 24 ore non c’è stato nessun decesso nel territorio emiliano-romagnolo.

TOSCANA

In Toscana sono 14.971 i casi di positività al Coronavirus, 144 in più rispetto a ieri (66 identificati in corso di tracciamento e 78 da attività di screening). I nuovi casi sono l`1% in più rispetto al totale del giorno precedente. Oggi si registra 1 nuovo decesso: una donna di 75 anni, ad Arezzo. Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in regione. L’età media dei 144 casi odierni è di 41 anni circa (il 18% ha meno di 20 anni, il 27% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, il 2% ha 80 anni o più) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 65% è risultato asintomatico, il 24% pauci-sintomatico. Delle 144 positività odierne, 6 casi sono ricollegabili a rientri dall’estero. 1 caso è ricollegabile a rientri da altre regioni italiane (Sicilia). Il 47% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso. I guariti crescono dello 0,8% e raggiungono quota 10.338 (69,1% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 748.736, 8.253 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 3.468, +1,9% rispetto a ieri. I ricoverati sono 128 (9 in più rispetto a ieri), di cui 22 in terapia intensiva (stabili). Sono 1.165 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 420 a Firenze, 54 a Prato, 83 a Pistoia, 178 a Massa Carrara, 149 a Lucca, 97 a Pisa, 65 a Livorno, 53 ad Arezzo, 33 a Siena, 25 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

ABRUZZO

Trenta nuovi positivi in Abruzzo nel report quotidiano regionale e nessun decesso nella giornata di oggi. Diventano così complessivamente 4449 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 30 nuovi casi di età compresa tra uno e 97 anni su 1992 tamponi. Il bilancio dei pazienti deceduti resta fermo a 481. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 3059 guariti (+2 rispetto a ieri). I positivi in Abruzzo sono 909 (+28 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 201484 test (+1992 rispetto a ieri). 52 pazienti (invariato rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 5 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 852 (+28 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 640 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+9 rispetto a ieri), 1053 in provincia di Chieti (+9), 1890 in provincia di Pescara (+4), 823 in provincia di Teramo (+5), 38 fuori regione (invariato) e 5 (+3) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

MARCHE

Sono 28 i positivi al coronavirus rilevati nelle Marche nelle ultime 24 ore: sei casi in provincia di Ascoli Piceno, sei in provincia di Pesaro Urbino, sei in provincia di Ancona, cinque in provincia di Fermo, quattro in provincia di Macerata e uno fuori regione. In tutto, comunica il Gores, sono stati analizzati 2.137 tamponi (1.046 nel percorso nuove diagnosi e 1.091 nel percorso guariti). Cinque contagi riguardano soggetti sintomatici, 15 i contatti in ambito domestico, quattro contatti stretti di casi positivi, due rientri dall’estero (Albania e Perù) e due casi in fase di verifica.

Leggi anche:
Coronavirus, sempre più contagiati e con meno tamponi. Crescono pure le vittime

UMBRIA

Altri 46 nuovi casi di coronavirus sono stati accertati in Umbria nell’ultimo giorno, 2.500 totali, un dato stabile rispetto a ieri ma tra i più alti degli ultimi mesi. Frutto dell’analisi di 1.931 tamponi, 207.255 complessivi, secondo quanto riporta in sito della Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati accertati anche 21 guariti, ora 1.848, con gli attualmente positivi passati da 542 a 567, rimanendo invariato a 85 il numero delle vittime. Scendono invece da 42 a 41 i ricoverati in ospedale, tre dei quali (stabili) in terapia intensiva.

LAZIO

“Su oltre 11 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 265 casi e di questi 151 a Roma, cinque i decessi e 65 i guariti. Bisogna mantenere alta l’attenzione soprattutto nel rispetto del distanziamento sociale”. Torna a raccomandarsi l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “La gran parte dei casi sono legati al mancato rispetto dell’uso della mascherina e del distanziamento. Fare attenzione soprattutto alle cerimonie, feste e a tutto ciò che porta ad una abbassamento dei livelli di attenzione. Il valore RT stimato questa settimana è 1.09. Nella Asl Roma 1 sono 59 i casi nelle ultime 24h e di questi trentatre sono i casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi. Nella Asl Roma 2 sono 69 casi nelle ultime 24h e tra questi diciassette sono i contatti di casi già noti e isolati, quattro i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 3 sono 23 i casi nelle ultime 24h e si tratta di due casi di rientro dalla Croazia, quindici i contatti di casi già noti e isolati. Si registra un decesso. Nella Asl Roma 4 sono 27 i casi nelle ultime 24h e si tratta di un caso con link dalla Sardegna, ventiquattro i contatti di casi già noti e isolati e due sono i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl Roma 5 sono 23 i casi nelle ultime 24h e si tratta di cinque casi con link ad un battesimo dove è in corso – spiega – l’indagine epidemiologica e otto i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 6 sono 24 i casi nelle ultime 24h e si tratta di un caso con link dall’Albania. Diciotto i contatti di casi già noti e isolati. Nelle province si registrano 48 casi e un decesso nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono ventiquattro i casi e si tratta di due casi con link dalla Lombardia, uno dall’Etiopia, quattro dal Trentino, uno dalla Spagna e uno dalla Tunisia. Un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Si registra un decesso. Nella Asl di Frosinone si registrano quindici casi e si tratta di dodici contatti di casi già noti e isolati e tre individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl di Viterbo si registrano sette casi e si tratta di due casi con link dall’Albania, uno dall’Austria e tre sono i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Rieti sono due i casi e si tratta di contatti di casi già noti e isolati” conclude.

PUGLIA

In Puglia a oggi giovedì 1 ottobre 2020 sono stati registrati 4152 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 114 casi positivi: 74 in provincia di Bari, 5 in provincia BAT, 1 in provincia di Brindisi, 19 in provincia di Foggia, 6 in provincia di Lecce, 8 in provincia di Taranto, 1 provincia di residenza non nota. E` stato registrato 1 decesso in provincia di Foggia. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 413.516 test: 4.697 sono i pazienti guariti; 2.607 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.900, così suddivisi: 3.108 nella Provincia di Bari; 699 nella Provincia di Bat; 774 nella Provincia di Brindisi; 1.906 nella Provincia di Foggia; 803 nella Provincia di Lecce; 548 nella Provincia di Taranto; 60 attribuiti a residenti fuori regione; 2 provincia di residenza non nota. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

BASILICATA

Ieri, 30 settembre, in Basilicata sono stati processati 939 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 33 sono risultati positivi. Le positività riscontrate sono così distribuite: 11 persone residenti a Venosa, una a Sant`Arcangelo, 2 a Marsico Nuovo, 2 a Marsico Vetere, 3 a Sasso di Castalda, una a Matera, una a Pescopagano, una a Viggiano, 2 persone residenti in Campania e lì in isolamento, una persona residente a Melfi, una a Gorgoglione, una a Forenza, 3 persone residenti a Moliterno di cui una domiciliata a Brienza, una persona residente a Brienza, una persona residente a Tramutola, una a Sarconi. Nella stessa giornata è stata registrata la guarigione di 2 persone, una residente a Potenza e l`altra residente nel Comune di Sant`Angelo Le Fratte. I lucani attualmente positivi sono 258 (229 all`ultimo aggiornamento + 31 positivita` residenti – 2 guarigioni residenti) di cui 248 in isolamento domiciliare. Sono 13 i ricoverati nelle strutture ospedaliere lucane: a Potenza 7 persone, tra cui 1 guarito in attesa di dimissioni, sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive del San Carlo; a Matera 4 persone si trovano nel reparto di Malattie infettive (tra cui una guarita in attesa di dimissioni) e 2 persone (tra cui 1 guarito ancora ricoverato) nel reparto di Terapia intensiva dell`ospedale `Madonna delle Grazie`.

Leggi anche:
"Cosa sarà" chiude la Festa del cinema di Roma e arriva in sala

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 29 persone decedute (9 di Potenza, 3 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d`Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 409 guariti; 1 cittadino campano in isolamento a Lavello; 1 cittadino calabrese in isolamento a Lavello; 1 persona di nazionalità estera diagnostica in Puglia in isolamento a Matera; 6 persone di nazionalità estera in isolamento una a Potenza, una a Matera, una a Rotonda, una a Lavello, una a Scanzano, una a Barile; 1 persona di nazionalità estera domiciliata a Venosa e ricoverata al San Carlo; 1 cittadino residente in Toscana e in isolamento in Basilicata; 5 cittadini residenti in Emilia Romagna in isolamento in Basilicata; 1 persona di nazionalità estera e proveniente da stato estero in isolamento in Basilicata; 24 cittadini stranieri in isolamento in struttura dedicata in Basilicata; 1 cittadino residente in Basilicata in isolamento nel Lazio; 1 cittadino residente e in isolamento in Basilicata diagnosticato in Puglia; 3 cittadini stranieri lavoratori stagionali in isolamento a Palazzo San Gervasio. Dall`inizio dell`emergenza sanitaria sono stati analizzati 73.975 tamponi, di cui 73.142 risultati negativi.

CAMPANIA

In Campania nuovo record negativo per il numero di positivi al Covid-19. Nelle ultime 24 ore sono 390 i contagi e 107 i guariti. Nessun decesso. A comunicarlo l’Unità di crisi regionale. Il totale dei contagi, da inizio pandemia, sale a 13.132 mentre le persone decedute restano 463. I guariti complessivamente sono 6.273 mentre i tamponi eseguiti 604.302, di cui 8.311 test effettuati ieri.

CALABRIA

Cresce ancora, ma in maniera leggermente inferiore al giorno precedente, il numero dei positivi in Calabria. Con 1.972 tamponi processati ne sono stati trovati 17 (-1 sul giorno precedente) che portano il totale da inizio pandemia a 2.002 con 201.540 test effettuati. I casi attivi sono 537 (-18) con un aumento di guariti di 35 unità (per un totale di 1.365). Le persone in rianimazione sono 2 mentre quelle ricoverate in reparto 32 (-1) e quelle in isolamento domiciliare 503. Le vittime sono 100.

SICILIA

Altri 156 contagiati nelle ultime 24 ore in Sicilia, mentre si registra una nuova vittima che fa salire il conto complessivo dei decessi a 312. I dati parlano anche di 85 guariti, per cui l’attuale numero dei positivi sull’isola è pari a 2.936 (70 In più rispetto a ieri). L’incremento dei tamponi effettuati è di 6.637. La provincia con l’aumento maggiore di casi è Palermo (88), seguita da Catania (20), Ragusa (20) e Messina (10). In provincia di Trapani ci sono sei nuovi positivi, cinque rispettivamente a Siracusa e Agrigento. A Caltanissetta si registrano due nuovi contagiati. Il procuratore Federale, a seguito delle verifiche eseguite dai pool ispettivi della Procura Federale, in relazione a quanto previsto dai Protocolli Sanitari finalizzati al contenimento dell’emergenza epidemiologia da COVID-19, ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare il Trapani (serie C), per responsabilità oggettiva e propria, e tre tesserati: Giuseppe Pace, presidente del cda e legale rappresentante del club all’epoca dei fatti, Monica Pretti, presidente del cda e legale rappresentante all’epoca dei fatti, e Giuseppe Mazzarella, responsabile sanitario all’epoca dei fatti. I deferimenti riguardano violazioni accertate con le visite ispettive del 25 giugno, del 22 luglio e del 13 settembre scorsi.

SARDEGNA

Sono 3.996 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 96 nuovi casi, 59 rilevati attraverso attività di screening e 37 da sospetto diagnostico. Si registra a Cagliari il decesso di un paziente di 78 anni, con precedenti gravi patologie. In tutto le vittime sono 155. In totale sono stati eseguiti 192.705 tamponi, con un incremento di 2.058 test rispetto all’ultimo aggiornamento. Sono invece 110 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+9 rispetto al dato di ieri, un incremento però determinato da un errato conteggio del 29 settembre), mentre sono 20 (+1) i pazienti terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 2.006. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.688 (+20) pazienti guariti, più altri 17 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 3.996 casi positivi complessivamente accertati, 610 (+9) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 424 (+27) nel Sud Sardegna, 321 (+6) a Oristano, 531 (+30) a Nuoro, 2.110 (+24) a Sassari

 

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti