L’Europa pronta a fornire i Leopard 2 all’Ucraina. Anche la Germania ha detto sì

L’Europa pronta a fornire i Leopard 2 all’Ucraina. Anche la Germania ha detto sì
25 gennaio 2023

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha sciolto le riserve e deciso di fornire all’Ucraina dei Leopard 2, il principale carro armato da combattimento della Bundeswehr. La Germania ha uno stock di 320 tank Leopard 2, secondo quanto ha detto alla Cnn una portavoce della Difesa tedesca, senza però chiarire quanti di questi carri armati richiesti dall’Ucraina siano operativi. Si tratta di Leopard 2 delle serie A5, A6 e A7 che si trovano in diversi stadi di prontezza al dispiego in battaglia o di riparazione. L’esercito non dispone più di Leopard 1, né dei vecchi modelli di Leopard 2 della serie A4. 

Al di fuori dall’esercito, l’industria di armamenti Rheinmetall ha detto la settimana scorsa di avere uno stock di 139 Leopard, dei quali solo 29 sono pronti al combattimento e potrebbero essere forniti questa primavera. Tuttavia questi tank sono già stati promessi a paesi terzi nell’ambito di scambi con paesi che hanno mandato vecchi carri armati sovietici all’Ucraina. Il resto dello stock non è ancora operativo: degli 88 tank rimanenti solo pochi potrebbero essere consegnati fra nove mesi e gli altri fra un anno. Un’altra industria tedesca di armamenti, la Ffg, dispone di 99 Leopard, ma si tratta del vecchio modello Leopard 1.

Intanto,  12 paesi ha accettato di fornire all’Ucraina circa 100 carri armati Leopard 2 se arrivasse l’autorizzazione dalla Germania. Lo ha dichiarato un alto funzionario ucraino all’emittente Abc News. La fonte ha aggiunto che gli accordi sono stati raggiunti alla base aerea americana di Ramstein in Germania la scorsa settimana, dove gli alleati hanno discusso su come sostenere l’Ucraina nella sua guerra con la Russia. Spagna, Paesi Bassi e Danimarca sono tra i Paesi disposti a fornire alcuni dei loro carri armati, ha spiegato il funzionario. Abbiamo riferito in precedenza che la Polonia ha già dichiarato pubblicamente di essere disposta a fornire all’Ucraina carri armati Leopard 2.

Leggi anche:
Forti scosse di terremoto tra Turchia e Siria, migliaia di morti

La Polonia vuole inviare un gruppo di 14 carri armati e il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak ha fatto appello alla Germania “perché si unisca alla coalizione di Paesi che sostengono l’Ucraina con i carri armati Leopard 2”. Funzionari polacchi hanno indicato che anche la Finlandia e la Danimarca sono pronte ad unirsi a Varsavia nell’invio di Leopard in Ucraina. Si registra anche l’appello del presidente ucraino Volodymyr Zelensky: “Per quanto riguarda i carri armati moderni di cui abbiamo bisogno – sottolinea – le discussioni devono concludersi con delle decisioni”.

Mentre Mosca avverte che “non c’è un dialogo sostanziale” tra Russia e Germania, ma la possibile fornitura di carri armati a Kiev da parte di Berlino “sicuramente lascerà un segno inevitabile” per le future relazioni tra Russia e Germania, dice il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Le relazioni [Russia-Germania] sono già a un punto piuttosto basso. E non c’è un dialogo sostanziale con la Germania e con altri paesi dell’Unione Europea e della NATO. Ma, naturalmente, tali forniture non fanno ben sperare per il futuro delle relazioni. Sicuramente lasceranno un segno inevitabile nel futuro di queste relazioni”, ha detto Peskov.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti