Moles in aula alla ministra Azzolina: credibilità come verginità

Loading the player...
28 maggio 2020

Parole sessiste, è l’accusa del Movimento 5 stelle al senatore Giuseppe Moles di Forza Italia per la frase pronunciata a palazzo Madama rivolta alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina. “Purtroppo e mi dispiace lei è riuscita a unire tutti contro di lei, sindacati studenti insegnanti. Le ricordo, signor ministro, che la scuola ha bisogno di credibilità e di serietà. E la credibilità è come la verginità: è facile da perdere, difficile da mantenere, ma impossibile da recuperare, signor ministro” ha detto Moles.

Parole gravi seconda la senatrice stellata Barbara Floridia – tanto più che sono state espresse “davanti a una ministra, che in questi giorni ha subito attacchi e insulti di ogni genere, sfociati in vere e proprie minacce tanto che le è stata assegnata la scorta”. Reazione dura anche dal gruppo M5S della Camera, in una dichiarazione attribuita ai deputati e alle deputate pentastellate della commissione Cultura, che esprimono “solidarietà alla ministra Lucia Azzolina”. Moles si difende in una nota: “Strumentalizzare l’espressione utilizzata in Aula per avanzare isteriche ed inesistenti ipotesi di insulti sessisti sottolinea ancor più il modus operandi dei 5stelle: alzare polveroni per nascondere i propri fallimenti”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Centrodestra oggi in piazza, anche tra alleati "competition is competition"


Commenti