Parte il piano di Figliuolo, immunità di gregge entro l’estate

Parte il piano di Figliuolo, immunità di gregge entro l’estate
13 marzo 2021

Vaccinare tutti gli italiani entro la fine di settembre per raggiungere l’immunità di gregge al termine dell’estate. Parte il nuovo piano vaccinale a firma Francesco Paolo Figliuolo. A dire il vero, il primo. Perché finora il governo Conte 2 non ne aveva prodotto. L’obiettivo è 500mila dosi di vaccino al giorno da somministrare a partire da aprile. Con il nuovo piano nazionale di vaccinazione, secondo il generale Figliuolo, ci sarà anche il monitoraggio costante dei fabbisogni con interventi mirati, selettivi e puntiformi sulla base degli scostamenti dalla pianificazione. Verrà creata una riserva vaccinale pari a circa l’1,5% delle dosi, per poter fronteggiare criticità prevedendo l’impiego di rinforzi del Dipartimento di Protezione Civile e della Difesa.

Inoltre si prevede una capillarizzazione della somministrazione, incrementando la platea dei vaccinatori. Verrà dato impulso all’accordo per impiegare medici di medicina generale (fino a 44 mila), odontoiatri (fino a 60 mila), medici specializzandi (fino a 23 mila). Si potrà far ricorso – tramite accordi in via di finalizzazione – anche ai medici della Federazione Medico Sportiva Italiana, ai medici competenti dei siti produttivi e della grande distribuzione, oltre che ai medici convenzionati ambulatoriali e ai farmacisti. Proseguirà, se necessario, l’assunzione di medici e infermieri a chiamata, in aggiunta agli oltre 1700 già operativi. In caso di emergenza scenderanno in campo anche team mobili.

Leggi anche:
Patriarca russo Kirill cade per terra: pavimento bagnato

Capitolo a parte è quello del potenziamento della rete vaccinale esistente che conta attualmente 1733 punti vaccinali (dato in crescita). Per l’allestimento di nuovi centri potranno eventualmente essere utilizzati siti produttivi, le aree della grande distribuzione, le palestre, le scuole, le strutture di associazioni e della Conferenza Episcopale Italiana. Verrà inoltre potenziata l’infologistica, con l’adozione in tempi brevi di soluzioni informatiche per l’ampliamento delle funzioni di prenotazione e somministrazione dei vaccini. A oggi, infine, sono state approvvigionate 7,9 milioni di dosi, che si raddoppieranno entro le prossime tre settimane. Entro la fine di giugno è previsto l`arrivo di altre 52 milioni di dosi circa, mentre ulteriori 84 milioni sono previsti prima dell`autunno”.

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti