Pole in finale-caos, Ferrari Leclerc fa sognare Monza

Pole in finale-caos, Ferrari Leclerc fa sognare Monza
Charles Leclerc
7 settembre 2019

La qualifica piu’ incredibile della storia della Formula 1 premia Charles Leclerc. La delusione dei tifosi Ferrari per il finale anti-climatico del Q3 dura poco e si trasforma presto in un clamoroso boato per la quarta pole position – la seconda consecutiva, la 21esima della Ferrari a Monza – nella giovane carriera del monegasco, capace di sfruttare da rapace la ‘melina’ suicida dei rivali: i suoi avversari infatti si marcano troppo a lungo nel giro di lancio per evitare di concedere la preziosa scia nei rettilinei ma finiscono per essere fermati dalla bandiera a scacchi, non riuscendo ad impensierire con l’ultimo tentativo la pole provvisoria di Leclerc, diventata cosi’ definitiva senza ansia e senza sforzi ulteriori.

”E’ un peccato – spiega Leclerc – che il finale sia andato cosi’, abbiamo fatto un gran casino. Sono ovviamente felice, e’ un onore essere in pole davanti a questi tifosi e speriamo di fare una grande gara domani”. L’autogol collettivo genera ovviamente polemiche, soprattutto sul tema della sicurezza. Un comportamento ”ridicolo” secondo Sainz – primo e unico a smarcarsi dai continui rallentamenti – e considerato ”pericoloso” da Hamilton, secondo in griglia davanti a Bottas e apparso piuttosto polemico per l’accaduto: ”Tutti rallentano, ti stanno a fianco e non sai cosa succede. E’ un sistema pazzesco”. Ma nel box della Ferrari non si respira un clima sereno e la pole position non cancella la coda al veleno.

Proprio nel weekend in cui Leclerc e Vettel si erano scambiati complimenti al miele per il ”gioco di squadra” a Spa e per la ”cooperazione” nello sviluppo dell’auto, il tedesco (quarto a 150 millesimi) bacchetta il compagno per la strategia dell’ultimo giro lanciato, in cui non gli ha concesso la scia (un vantaggio stimato in quattro decimi) come invece stabilito nel briefing: ”Doveva starmi davanti da subito, non abbiamo fatto cio’ che avevamo preparato a tavolino. Ho fatto un giro in solitaria, nessuno mi ha dato la scia”. Un caso su cui Binotto dovra’ mediare, in vista di un Gran Premio dove l’incognita del meteo potrebbe ancora sparigliare le carte in tavola: ”La pole e’ sempre un bellissimo risultato, specialmente qui a Monza, ma le cose non sono andate come avevamo previsto. E’ un peccato per Vettel, capisco la sua frustrazione”. Una bella gatta da pelare a poche ore dalla partenza: a Monza, per vincere, non c’e’ alcun margine di errore.

Leggi anche:
Italia-Usa 2-1, nel doppio battuti Fognini-Musetti
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti