Tartaruga Caretta nidifica spiaggia Mazara del Vallo

31 luglio 2014

La nidificazione da parte di una tartaruga marina Caretta caretta è avvenuta il 31 luglio intorno alle ore 1,30 in piena notte, ed è stata rilevata grazie alla segnalazione di alcuni cittadini, presenti casualmente sulla spiaggia, che hanno contattato il Wwf tramite il locale Distaccamento dei Vigili del Fuoco. Dopo aver deposto le uova, la tartaruga è ritornata in mare sotto lo sguardo ancora sorpreso dei presenti. Sul posto sono intervenuti immediatamente volontari e personale del Wwf che hanno prima delimitato l`area e successivamente realizzato le necessarie protezioni a difesa del nido.

Una Caretta caretta che depone le uova sulla spiaggia di Tonnarella è ormai evento non raro, l`ultimo nido infatti risale al 2012, due anni fa. Il nido si trova non lontano dall`area di grande interesse naturalistico, la zona umida sito Ramsar di “Capo Feto”. “Un evento eccezionale” ha dichiarato Paolo Casale responsabile del Progetto Tartarughe di WWF Italia “che lascia ben sperare e conferma la necessità di continuare nell`impegno per la tutela delle tartarughe marine nel Mediterraneo”.

Sulle spiagge italiane si contano circa 30-40 nidi di Caretta caretta ogni anno, concentrati in Calabria e Sicilia. Ma oggi tutte e sette le specie sono considerate a rischio estinzione e la causa principale è l`impatto con le attività umane, a partire dalla pesca accidentale. In tutto il Mediterraneo si stima che ogni anno più di 130.000 tartarughe vengano catturate accidentalmente negli attrezzi da pesca, di cui oltre 40.000 non sopravvivono. Mentre in Italia la pesca accidentale colpisce più di 20.000 esemplari all`anno. A queste vanno aggiunte le migliaia di tartarughe che ingoiano sacchetti di plastica scambiandoli per meduse, che vengono colpite dalle imbarcazioni mentre galleggiano per scaldarsi al sole, i piccoli appena nati che finiscono sulle strade disorientati dalle luci artificiali di coste sempre più urbanizzate, i nidi distrutti dai mezzi meccanici utilizzati per la pulizia delle spiagge e da un`attività turistica incontrollata.

Leggi anche:
La Guardia Costiera salva 17 persone a poche miglia da Lampedusa
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti