Coronavirus, Ricciardi: “Per piegare la curva epidemica serve 1 mese e mezzo”

6 novembre 2020

Sono 37.809 (34.5050 ieri) i nuovi casi registrati in Italia nelle ultime 24 ore dove si sono registrati anche 446 (445 ieri) decessi che portato il totale da inizio pandemia a 40.683 morti. E’ quanto emerge dall’odierno bollettino del ministero della Salute-Iss sull’emergenza coronavirus. Attualmente in Italia sono positive 499.118 persone, 26.770 più di ieri. Nelle ultime 24 ore ci sono stati 10.586 guariti. Sono stati 234.245, 14361 più di ieri, i tamponi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Sale così a 16.951.896 il numero complessivo di quelli effettuati da inizio pandemia Covid-19. Grazie al sospetto diagnostico, fino ad oggi sono stati identificati 562.010 positivi, mentre grazie alle attività di screening, ne sono stati scoperti 300.671.

Sul fronte ricoveri, negli ospedali se ne contano 24.005 (+749 rispetto a ieri) mentre le persone nelle terapie intensive sono 2515 (+124). In isolamento domiciliare oggi sono 472.598 persone, 25.897 più di ieri. Con 9.934 nuovi casi dei 37.809 registrati oggi in tutta Italia, è sempre la Lombardia la regione con il maggior numero di nuovi positivi nel nostro Paese. Oggi il secondo posto nella triste graduatoria è del Piemonte con 4.878 casi, seguito dalla Campania con 4.508. Oltre i 3mila nuovi positivi l’Emilia Romagna, con 3.297. Nel Lazio i nuovi casi sono 2.699 mentre in Toscana 2.592. Oltre mille nuovi positivi anche in Sicilia (+1.423) e Liguria (+1.127). In tutte le altre regioni ci sono stati meno di mille casi. La regione con il numero più basso di nuovi positivi è il Molise, con 76.

RICCIARDI

Intanto, Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro della Salute, mette le mani in avanti: “Ci vuole più tempo per appiattire la curva epidemica io non voglio spaventare nessuno ma certamente due settimane sono probabilmente poche per piegare la la curva sicuramente sono insufficienti. Occorre un mese un mese e mezzo”. “L’RT nazionale purtroppo è superiore ad 1, mi pare 1.2-1.3 come media – continua Ricciardi – Dei 21 criteri sono 4-5 i parametri veramente importanti: RT, numero assoluto, numeri positivi sulla popolazione, poi quante persone arrivano al pronto soccorso, arrivano in ospedale e vanno in terapia intensiva”.

E in merito alle Regioni, sottolinea che nessuna è  verde ma “dovremo ritornare verdi”, precisando che “in questo momento non c’è nessuna regione che può dichiararsi libera dal rischio di circolazione” del coronavirus. Si è scelto di identificare le fasce con i colori “perché è comprensibile a tutti”, conclude Ricciardi. Il consulente scientifico, tuttavia, continua a sottolineare che “la situazione degli ospedali è drammatica, più o meno in tutta Italia è veramente tragica”. E fa sapere che “già da febbraio abbiamo dovuto annullare 1 milione e 300mila screening oncologici”. “Il problema maggiore – conclude il consulente del ministro – è l’intasamento degli ospedali, dei pronto soccorso ospedale perché di fatto tu assorbi praticamente con la capacità che abbiamo soltanto pazienti tutti i pazienti Covid, delle altre patologie non riusciamo a curare”.

LO SCENARIO PER REGIONE in aggiornamento

LOMBARDIA

Sono 9.934 i nuovi positivi al Covid-19 in Lombardia registrati oggi, il 21,4% dei 46.401 tamponi processati nelle ultime 24 ore. I decessi sono 131 con il totale da inizio pandemia che sale a 18.118 morti. Si registra un balzo dei ricoveri in terapia intensiva che arrivano a 570, 48 in più da ieri. Salgono anche i pazienti negli altri reparti: +245 in un giorno, per 5.563 letti occupati. Si contano oggi 4.961 guariti-dimessi, con il totale complessivo che arriva a 107.463, di cui 5.651 dimessi e 101.812 guariti da febbraio.

VALLE D’AOSTA

Oggi in Valle d’Aosta sono stati rilevati 129 nuovi casi di Covid-19, per un totale dall’inizio dell’emergenza di 3.963 contagi. Le vittime sono 195 dall’inizio della pandemia, 6 nelle ultime 24 ore. L’età media delle persone decedute è di 83,5 anni. I guariti che sono risultati negativi a due test consecutivi sono 1.600. Gli attualmente positivi in Regione sono 2.168 (+16 rispetto a ieri), di cui 154 ricoverati in reparti Covid, 13 in terapia intensiva e 2.001 in isolamento domiciliare. In totale sono state testate con un tampone 27.094 persone (+222 rispetto a ieri). I tamponi totali effettuati dall’inizio della pandemia sono invece 44.359 (+719 rispetto all’ultimo aggiornamento). Lo ha fatto sapere la Regione in una nota.

Leggi anche:
Il pellegrinaggio alla Mecca si converte alle smart card

PIEMONTE

Sono 29 i decessi e 4878 i contagi di persone positive al test del Covid-19 registrati oggi in Piemonte. Questi i dati comunicati nel pomeriggio dall’Unita’ di Crisi della Regione. Il totale e’ ora 4549 deceduti risultati positivi al virus, cosi’ suddivisi per provincia: 725 Alessandria, 282 Asti, 238 Biella, 438 Cuneo, 444 Novara, 1993 Torino, 248 Vercelli, 138 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 43 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte. Sale a 89.458 il numero di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte. Dei 4878 registrati oggi, di cui 2022 (41%) asintomatici, 604 sono stati individuati nelle Rsa, 429 in ambito scolastico, 3845 tra la popolazione generale.  La suddivisione complessiva su base provinciale diventa: 7977 Alessandria, 4266 Asti, 2936 Biella, 11.033 Cuneo, 6704 Novara, 49.343 Torino, 3210 Vercelli, 2445 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 582 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 962 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 542 nuovi contagi (6.552 tamponi eseguiti) e 12 decessi da Covid-19. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Le persone risultate positive al virus in regione dall’inizio della pandemia ammontano in tutto a 13.352, di cui: 4.221 a Trieste, 5.121 a Udine, 2.430 a Pordenone e 1.424 a Gorizia, alle quali si aggiungono 156 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione sono 6.840. Rimangono 44 i pazienti in cura in terapia intensiva mentre scendono a 260 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 435, con la seguente suddivisione territoriale: 221 a Trieste, 104 a Udine, 99 a Pordenone e 11 a Gorizia. I totalmente guariti sono 6.077, i clinicamente guariti 85 e le persone in isolamento 6.451.

VENETO

Sono 3.297 i nuovi positivi al coronavirus scoperti in Veneto nelle ultime 24 ore (72.092 in totale dall’inizio dell’emergenza). Numeri notevoli ma a fronte dei quali, ha precisato il governatore del Veneto Luca Zaia, “a parità di tamponi in questo momento troviamo metà dei positivi rispetto al rapporto positivi/tamponi di marzo”. In isolamento si trovano oggi 17.972 persone. Rallenta la crescita dei ricoverati (oggi a 1.301, 27 in più rispetto a ieri) e anche delle terapie intensive (+4 rispetto a ieri). Ventisette i decessi nelle ultime 24 ore, 2543 in totale dallo scorso 21 febbraio ad oggi.

LIGURIA

Sono 1.127 i nuovi casi di positività in Liguria. Lo registra il bollettino odierno diffuso dalla Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati 5.772 i tamponi effettuati, 475.685 da inizio emergenza. Il dato più eclatante è quello dei nuovi ricoverati: 81 in più di ieri. Ad oggi sono 1.393 i pazienti covid negli ospedali liguri. Di questi, 78 sono in terapia intensiva. Anche oggi si registrano nuovi decessi: sono 16 quelli avvenuti tra il 3 e il 5 novembre, che portano a 1879 le vittime da inizio emergenza.

EMILIA – ROMAGNA

Dall’inizio dell’epidemia in Emilia-Romagna si sono registrati 67.041 casi di positività, 1.953 in più rispetto a ieri, su un totale di 20.847 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 9,4%, rispetto al 10,7% di ieri. 40 i decessi registrati nella giornata di oggi. Il nuovo Rt regionale, l’indice di trasmissibilità del virus, è dell’1,57, in calo rispetto all’1,63 della scorsa settimana. Dei nuovi contagiati, sono 932 gli asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: complessivamente, tra i nuovi positivi 280 persone erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 347 sono state individuate nell’ambito di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 43,8 anni. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 478 nuovi casi, Modena con 309, poi Reggio Emilia (279), Rimini (197), Parma (194), Piacenza (178), Ferrara (102), Ravenna (82), seguono Forlì (59) Imola (57), e Cesena (18).

Leggi anche:
Caos a Tunisi, presidente Kais Saied accusato di colpo di Stato

TOSCANA

In Toscana sono 57.680 i casi di positività al coronavirus, 2.592 in più rispetto a ieri (2.168 identificati in corso di tracciamento e 424 da attività di screening). I nuovi casi sono il 4,7% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 3,7% e raggiungono quota 16.738 (29% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.180.350, 15.743 in più rispetto a ieri. Sono 9.398 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 27,6% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 1.382 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 39.440, +5,2% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.512 (77 in meno rispetto a ieri), di cui 209 in terapia intensiva (7 in più). Oggi si registrano 32 nuovi decessi: 22 uomini e 10 donne con un’età media di 83,1 anni. Complessivamente, 37.928 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (2.035 in più rispetto a ieri, più 5,7%). Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 1.512 (77 in meno rispetto a ieri, meno 4,8%), 209 in terapia intensiva (7 in più rispetto a ieri, più 3,5%).

UMBRIA

Sono 767 (e non 769 come era stato riferito inizialmente) i nuovi casi registrati in Umbria l’ultimo giorno, 13.591 totali. L’aggiornamento è riportato sul sito della Regione. Sono stati registrati altri nove morti, 174 totali, e 262 guariti, 4.527, con gli attualmente positivi passati da 8.394 a 8.890. Cresciuti ancora i ricoverati in ospedale, da 369 a 379, 53 dei quali in intensiva (ieri erano 50). Analizzati 4.855 tamponi nell’ultimo giorno, 320.893.

MARCHE

“Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 3842 tamponi: 2185 nel percorso nuove diagnosi e 1657 nel percorso guariti. I positivi sono 697 nel percorso nuove diagnosi (109 nella provincia di Macerata, 218 nella provincia di Ancona, 51 nella provincia di Pesaro-Urbino, 92 nella provincia di Fermo, 203 nella provincia di Ascoli Piceno e 24 da fuori regione)”. Lo comunica la Regione Marche. “Questi casi comprendono soggetti sintomatici (112 casi rilevati), contatti in setting domestico (155 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (198 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (17 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/divertimento (34 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (8 casi rilevati), contatti in setting scolastico/formativo (19 casi rilevati), screening percorso sanitario (13 casi rilevati) e 2 rientri da altra regione. Per altri 139 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche”.

ABRUZZO

Sono complessivamente 13505 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 395 nuovi casi (di età compresa tra 2 mesi e 93 anni). Dei nuovi casi, 204 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti. I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 49 (il totale risulta inferiore di 4 unità in quanto sono stati eliminati altrettanti casi risultati duplicati o già in carico ad altra Regione). Il bilancio dei pazienti deceduti registra 7 nuovi casi e sale a 584 (di età compresa tra 63 e 92 anni). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 4340 dimessi/guariti (+67 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 8581 (+317 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 308505 test (+3067 rispetto a ieri). 468 pazienti (+10 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 42 (+6 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 8071 (+301 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

BASILICATA

La task force regionale della Basilicata ha comunicato che sono stati processati 1.461 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 274 sono risultati positivi e sono decedute 3 persone (1 di Potenza, 1 di Venosa, 1 di Matera). Nella stessa giornata guarite 32 persone (27 di Venosa, 2 di Matera, 1 di Trecchina, 1 di Corleto, 1 di Ginestra) Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 2.204 e di questi 2.088 si trovano in isolamento domiciliare. Sono 116 le persone attualmente ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 112.980 tamponi, di cui 108.124 risultati negativi.

Leggi anche:
Covid-19, tornano a salire ricoveri e terapie intensive. Figliuolo: avanti con le vaccinazioni, anche per i più giovani

LAZIO

“Oggi su quasi 29 mila tamponi nel Lazio (-1.539) si registrano 2.699 casi positivi(-36), 26 decessi (-9) e 279 guariti (-14). Il rapporto tra positivi e tamponi è stabile al 9%”. Sono i dati diffusi poco fa dall’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

PUGLIA

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano informa che oggi sono stati registrati 7.728 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 946 casi positivi e 15 decessi: 2 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 7 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Taranto. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 594.530 test. 7.450 sono i pazienti guariti, mentre 15.629 sono i casi attualmente positivi.

CAMPANIA

In Campania nuovo record di positivi al Coronavirus. Nella giornata di ieri sono stati 4.508 i contagi di cui 4.138 asintomatici e 370 sintomatici. I guariti sono 320, mentre i decessi, tra il 12 ottobre e il 5 novembre e registrati in ritardo, sono 40. A renderlo noto l’Unità di crisi della Regione. Il totale dei contagiati dal Covid-19, da inizio epidemia, sale a 78.009 mentre i guariti sono 15.017. I decessi complessivi 796, i tamponi in totale 1.075.201, di cui 23.897 eseguiti ieri. Il report dei posti letto su base regionale registra 590 disponibili in terapia intensiva, dei quali 180 occupati. Per quanto riguarda la degenza ci sono 3.160 posti di cui 1.677 già occupati.

CALABRIA

“In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 289.207 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 292.222 (allo stesso soggetto possono essere effettuati piu’ test). Le persone risultate positive al coronavirus sono 6.714 (+ 264 rispetto a ieri), quelle negative 282.493”. Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al coronavirus: i decessi dall’inizio dell’emergenza sono 132 (+ 4 rispetto a ieri). 

SICILIA

Oggi in Sicilia sono stati rilevati 1.423 nuovi casi di Covid-19 con 9.525 tamponi processati. Nelle ultime 24 ore sono state registrate 34 vittime. I nuovi guariti, invece, sono 402. Le persone attualmente positive in regione sono 1.618. I pazienti ricoverati sono 1.316, 12 in più rispetto a ieri. Sono 159, invece, quelli ricoverati in terapia intensiva (+2). I nuovi casi sono così divisi per provincia: 62 ad Agrigento, 47 a Caltanissetta, 292 a Catania, 40 a Enna, 57 a Messina, 321 a Palermo, 292 a Ragusa, 91 a Siracusa e 121 a Trapani. È quanto emerge dal bollettino della Regione Sicilia.

SARDEGNA

Sono 359 i nuovi casi di positività a fronte di 3.669 tamponi effettuati e due nuovi decessi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Si tratta di un uomo di 78 anni residente nella Città metropolitana di Cagliari e una donna di 79 del Sud Sardegna. Sono i numeri dell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale. Dei nuovi casi, 166 sono stati rilevati attraverso attività di screening e 193 da sospetto diagnostico. Salgono cosi’ a 11.412 i casi di positivita’ al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Le vittime sono 249 in tutto. In totale sono stati eseguiti 286.076 tamponi con un incremento di 3.699 test. Sono invece 392 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+52 rispetto al dato di ieri), mentre resta invariato il numero dei pazienti in terapia intensiva: 46. Le persone in isolamento domiciliare sono 7.248. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 3.440 (+59) pazienti guariti, più altri 37 guariti clinicamente. Sul territorio, di 11.412 casi positivi complessivamente accertati, 2.310 (+46) sono stati rilevati nella Città metropolitana di Cagliari, 1.786 (+23) nel Sud Sardegna, 1.031 (+65) a Oristano, 1.437 (+43) a Nuoro, 4.848 (+182) a Sassari.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti