Dl scuola, dal Senato ok a fiducia. Ecco le principali misure del provvedimento

Dl scuola, dal Senato ok a fiducia. Ecco le principali misure del provvedimento
Maria Elisabetta Alberti Casellati
28 maggio 2020

L’aula del Senato ha approvato il maxiemendamento interamente sostitutivo del decreto Scuola, su cui il governo aveva posto la questione di fiducia. Solo 235 i votanti. I voti favorevoli sono stati 148, 87 i contrari, nessun astenuto. Il decreto legge disciplina gli Esami di Stato conclusivi del I e del II ciclo di istruzione, la valutazione finale degli alunni, la conclusione dell’anno scolastico e l’avvio del prossimo, le procedure concorsuali straordinarie con quesiti a risposta aperta per la Scuola secondaria di I e II grado e che interessano 32mila precari, e prevede, inoltre, il ritorno al giudizio per le elementari al posto del voto decimale.

Il voto è arrivato al termine di una giornata di tensione in un’Aula semivuota dove l’opposizione ha contestato il decreto, pur manifestando solidarietà al ministro Azzolina per le minacce subite. La Lega ha attaccato duramente la gestione della Commmissione Bilancio del Senato da parte del presidente, il M5s Daniele Pesco. La senatrice Antonella Faggi ha denunciato “le modalità” definite “vergognose” con cui la commissione Bilancio ha espresso il suo parere sul dl Scuola. “Sono soldi pubblici – ha quasi urlato Faggi – destinati ai nostri ragazzi ed è una vergogna che venga usata una Commissione per essere la camera di compensazione delle rogne della maggioranza. La Commissione Bilancio non è una camera di compensazione”.

Più volte contestato e interrotto il senatore pentastellato Daniele Pesco, presidente della Commissione Bilancio del Senato, che si è difeso in Aula dalle accuse delle opposizioni per le procedure con cui la V commissione ha esaminato il Dl Scuola e il maxiemendamento su cui è stata posta la fiducia. “Se la Commissione avesse dato parere favorevole a emendamenti senza coperture, allora gli attachi sarebbero stati legittimi. Ma la Commissione Bilancio ha esaminato emendamenti, ha guardato i pareri della Ragioneria Generale dello Stato, e quando la Rgs ha detto che costavano, non potevamo fare altrimenti”. Adesso il testo passa alla Camera. Il provvedimenti deve essere licenziato entro il 7 giugno.

Leggi anche:
Coronavirus, sale per il sesto giorno di fila la curva epidemica. E anche i morti

Intanto, il ministro dell’Istruzione, Lucia Azolina ha reso noto che verranno fornite “a breve alle scuole le regole per poter avviare l’anno in piena sicurezza dal punto di vista sanitario e con indicazioni anche sotto il profilo didattico”. Da oggi è anche attivo l’help-desk per poter dare ogni tipo di supporto alle istituzioni scolastiche. Il ministro dell’Istruzione ha sottolineato che, per l’avvio del prossimo anno scolastico, si sta lavorando “sia sotto il profilo amministrativo, con la digitalizzazione delle graduatorie per le supplenze e anche delle immissioni in ruolo, sia sotto il profilo organizzativo. Vogliamo riportare a scuola i nostri studenti e vogliamo farlo al meglio”.

COSA PREVEDE

GIUDIZIO DESCRITTIVO ALLA PRIMARIA DALL’A.S. 20/21 AL POSTO DEI VOTI IN DECIMI: Si valorizza a sistema la dimensione formativa della valutazione, che accompagna, attraverso l’espressione del giudizio, il percorso di crescita e di formazione dei bambini.

RE-ISCRIZIONE ALUNNI DISABILI ALL’ANNO SCOLASTICO SU RICHIESTA MOTIVATA DELLE FAMIGLIE: Limitatamente all’anno scolastico 2019-2020, la scuola può valutare l’opportunità di consentire la reiscrizione dell’alunno con disabilità al medesimo anno di corso frequentato nell’anno scolastico attuale, sulla base della richiesta della famiglia, acquisito il parere del gruppo di lavoro per l’inclusione a livello di istituzione scolastica. In questo modo è favorito il recupero di quanto previsto e che, per via dell’emergenza sanitaria, non si è riusciti a fare conseguire.

TUTELA PRIVATISTI: Per i candidati privatisti all’esame di maturità che sosterranno l’esame nella sessione straordinaria di settembre, è previsto che partecipino alle prove di ammissione ai corsi di laurea a numero programmato nonché ad altre prove previste dalle università, istituzioni dell’alta formazione artistica musicale e coreutica e altre istituzioni di formazione superiore post diploma, a procedure concorsuali pubbliche, selezioni e procedure di abilitazione, comunque denominate, per le quali sia richiesto il diploma di scuola secondaria di secondo grado, con riserva del superamento dell’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione.

Leggi anche:
Coronavirus: salgono ancora i nuovi positivi, cala il numero dei morti. Iss: "Occorre mantenere la cautela"

GRADUATORIE PROVINCIALI: Differentemente dal testo originario del DL Scuola vengono aggiornate le graduatorie di istituto a carattere provinciale prevedendo per gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022 l’istituzione delle nuove graduatorie provinciali di istituto. La valutazione delle candidature per la costituzione delle graduatorie è effettuata dagli uffici scolastici territoriali, che possono avvalersi dell’attività di supporto nella valutazione da parte delle scuole della provincia di riferimento. La presentazione delle istanze, la loro valutazione e la definizione delle graduatorie avvengono con procedura informatizzata che prevede la creazione di una banca dati a sistema, anche ai fini dell’anagrafe nazionale docenti.

ISTITUZIONE TAVOLO PERCORSI ABILITANTI: È istituito presso il MI Social un “Tavolo di confronto per avviare con periodicità percorsi abilitanti”, in modo da garantire anche in futuro ai neo-laureati un percorso di accesso all’insegnamento caratterizzato da una formazione adeguata.

INCARICHI TEMPORANEI NELLE SCUOLE DELL’INFANZIA PARITARIE COMUNALI: È prevista, per l’anno scolastico 2020/21 ed in via del tutto straordinaria, la possibilità per le scuole dell’infanzia paritarie comunali di affidare incarichi temporanei agli educatori dei servizi educativi per l’infanzia, qualora non sia reperibile personale docente con il prescritto titolo di abilitazione per le sostituzioni. In questo modo viene comunque garantito il servizio educativo.

MISURE URGENTI PER INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELL’EDILIZIA SCOLASTICA: Per garantire di procedere velocemente con l’esecuzione di interventi di edilizia scolastica, i Sindaci e i Presidenti delle Province e delle Città metropolitane operano con i poteri dei commissari fino al 31 dicembre 2020. In questo modo diamo agli Enti Locali uno strumento agile e soprattutto efficace per realizzare rapidamente gli interventi di cui c’è bisogno, anche in ragione dell’emergenza sanitaria da COVID-19.

Leggi anche:
Centrodestra oggi in piazza, anche tra alleati "competition is competition"

MODIFICHE ALLA PROCEDURA DEL CONCORSO STRAORDINARIO: La procedura straordinaria riservata a docenti con 36 mesi di servizio non prevede più il quiz in estate, ma una prova scritta articolata in quesiti a risposta aperta da tenersi nel corso dell’anno, probabilmente in ottobre, al massimo a novembre. I vincitori otterranno la retrodatazione giuridica del contratto. (contributo fonte Ansa)

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti