Flop Tulsa, il capo della campagna elettorale Trump nell’occhio del ciclone

22 giugno 2020

Il responsabile della campagna elettorale di Donald Trump, Brad Parscale, è finito nell`occhio del ciclone dopo aver affermato che centinaia di migliaia di persone avevano fatto domanda per i biglietti per il comizio a Tulsa, salvo poi essere smentito dalla bassa affluenza che ha richiamato l`evento. Il dipartimento dei vigili del fuoco di Tulsa ha riferito che 6.200 persone hanno partecipato al meeting di ieri e diversi seggiolini sono rimasti vuoti mentre il presidente saliva sul palco per tenere il suo primo discorso da quando la pandemia di Covid-19 ha bloccato gran parte dell’America. Il Bok Center, dove è avvenuto il meeting, ha una capacità fino a 19mila posti.

Oggi la Cnn ha riferito che Ivanka Trump e Jared Kushner non sono rimasti felici – eufemismo – delle grandi folle promesse da Parscale che poi hon hanno trovato riscontro nella realtà. Parscale ha attribuito la scarsa affluenza a “una settimana di fake news dei media che hanno suggerito alla gente di stare alla larga dal comizio a causa di Covid. I manifestanti, insieme alle recenti immagini di città americane in fiamme, hanno avuto un impatto reale sulle persone che dovevano portare le famiglie e i figli alla manifestazione”. Parscale ha quindi minacciato di revocare l’accredito ai giornalisti critici della campagna di Trump.

Leggi anche:
Se il gatto è aggressivo forse la colpa è del proprietario
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti