Immigrati, ora anche il Movimento 5 stelle ama le sanatorie

Immigrati, ora anche il Movimento 5 stelle ama le sanatorie
26 aprile 2020

Anche il M5s cavalca l’onda della regolarizzazione di immigrati, a volte, potenziale bacino di manovalanza per la criminalità organizzata. E così, Steni Di Piazza, sottosegretario pentastellato al Lavoro, viene confortato dall’appello sottoscritto da oltre trecento intellettuali – economisti, immunologi, giuristi ed esperti di vari – per sollecitare proprio la regolarizzazione degli immigrati irregolari non solo in agricoltura. In sostanza, una sanatoria, parola che prima scatenava le piazze grilline, ma che ora appare in piena sintonia con il nuovo verbo del Movimento oramai ben piazzato tra le stanze del potere.

“L’appello sottoscritto da illustri accademici… mi conforta” dice Di Piazza. Per l’esponente di governo 5stelle, serve “ridare dignità, sociale e lavorativa, a chi in questi anni è stato costretto a vivere nell’ombra”. La domanda nasce spontanea, diceva un grande collega: perché finora s’è permesso a questi immigrati non regolari di vivere illegalmente in Italia? E di lavorare in nero nelle campagne dove ora vorrebbero rimandarli? E tra le risposte, non può certo mancare la non buona amministrazione dei nostri governanti, a partire proprio dagli ultimi due esecutivi Conte. Invece, per archiviare la pratica, sta circolando in questi giorni nelle commissioni parlamentari la bozza di un disegno di legge proprio per la regolarizzazione degli immigrati irregolari in agricoltura.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Trattativa Autostrade-governo, schiaffo di Atlantia a Conte

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti