Niente cinema bar e ristoranti per i No Vax

Niente cinema bar e ristoranti per i No Vax
24 novembre 2021

In Italia l’evoluzione della pandemia è “sotto controllo” però “è in lieve ma costante peggioramento”. Per questo il governo ha deciso di intervenire, con l’obiettivo di “prevenire per preservare” la situazione. Così il presidente del Consiglio Mario Draghi, in conferenza stampa, ha spiegato le motivazioni che hanno spinto il Consiglio dei ministri ad approvare oggi, all’unanimità, il decreto che istituisce il cosiddetto “super green pass”.

Il nuovo certificato verde potrà essere ottenuto solo dopo aver completato il ciclo vaccinale e avrà una durata di 9 mesi. Darà accesso a tutti i luoghi della socialità, come cinema, teatri, bar, ristoranti. Il green pass “normale”, invece, si potrà ancora avere con il tampone, ma servirà solo per andare al lavoro e negli spostamenti. Sul trasporto pubblico locale e regionale sarà obbligatorio e sono previsti controlli a campione. Controlli più rigidi saranno poi attuati per tutte le attività. Scatta anche l’obbligo vaccinale, dal 15 dicembre, per il personale amministrativo della sanità, docenti e personale amministrativo della scuola, militari, forze di polizia, soccorso pubblico.

“Vogliamo – ha precisato Draghi – essere molto prudenti per evitare rischi e riuscire a conservare quello che gli italiani si sono conquistati quest’anno. Gli italiani hanno reagito, abbiamo ricominciato a essere normali, vogliamo conservare questa normalità, non vogliamo rischi a questa normalità. Con questo spirito abbiamo fatto i provvedimenti presi, guardando al desiderio di continuare a essere aperti, andare in giro, divertirsi, acquistare, combattere la povertà, mandare i ragazzi a scuola, contenti”. Draghi, che ha già fatto la terza dose del vaccino, ha sottolineato come il richiamo con il “booster” mostri numeri “molto incoraggianti”, ringraziando di questo gli italiani.

A breve partirà anche la campagna di vaccinazione per la fascia di età 5-11, per la quale ci sarà una forte iniziativa di sensibilizzazione, per superare possibili “esitazioni” da parte dei genitori. Per quanto riguarda i no-vax, per Draghi “non bisogna sottovalutare la diversità di vedute, né criminalizzare. Bisogna continuare cercando di capire e convincere, non credo che ci siano molte alternative”. La speranza è che questa nuova iniziativa abbia “successo” perché questo, è la sua convinzione, sarebbe “il miglior modo di riconciliare persone con convinzioni diverse”. “Spero – ha concluso il premier – che questo sia un Natale normale. Per i vaccinati, con le restrizioni, sarà normale. E poi speriamo che il prossimo Natale sia un Natale normale per tutti. Spero che coloro che da oggi saranno oggetto di restrizioni possano tornare a essere parte della società con tutti noi”.

Cosa prevede il decreto

Super green pass dal 6 dicembre, anche per il trasporto pubblico locale e regionale; controlli rafforzati; obbligo di vaccinazione per docenti, personale scolastico, forze dell’ordine. Sono alcune delle novità introdotte con il nuovo decreto approvato all’unanimità dal Consiglio dei ministri. Ecco cosa prevede il provvedimento. Introdotto dal 6/12 il green pass “rafforzato”: si ottiene solo con vaccinazione o guarigione e la validità scende da 12 a 9 mesi. Dal 6 dicembre al 15 gennaio 2022 valgono le nuove regole transitorie per le zone colorate. Il green pass “base” sarà obbligatorio dal 6/12 anche per: alberghi, spogliatoi per l`attività sportiva, trasporto ferroviario regionale e trasporto pubblico locale. L`accesso a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche sarà consentito in zona bianca e gialla solo ai possessori di “green pass rafforzato. Ulteriori limitazioni della zona arancione valide solo per chi non possiede il “green pass rafforzato”. 

Leggi anche:
Oms: elevata probabilità di diffusione della variante Omicron ma a oggi "nessun morto"

La vaccinazione obbligatoria viene estesa a personale amministrativo della sanità, docenti e personale amministrativo della scuola, militari, forze di polizia, soccorso pubblico dal 15/12. Previsto il richiamo obbligatorio per professioni sanitarie dal 15/12. Deciso anche il rafforzamento del sistema dei controlli: entro 3 giorni dall`entrata in vigore del dl, i Prefetti sentono il Comitato provinciale ordine e sicurezza, entro 5 giorni adottano il nuovo piano di controlli coinvolgendo tutte le forze di polizia, relazionando periodicamente. La mascherina resta non obbligatoria all`aperto in zona bianca e obbligatoria all`aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa. Sempre obbligatorio in tutte le zone portarla con sé e indossarla in caso di potenziali assembramenti o affollamenti. Restano invariate le tipologie e la durata dei tamponi.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti