Sarri a Lecce fa turnover, Ronaldo non convocato

Sarri a Lecce fa turnover, Ronaldo non convocato
Cristiano Ronaldo
26 ottobre 2019

“Non siamo tantissimi, ma qualcosa sara’ sicuramente da cambiare”: reduce dalla Champions, Maurizio Sarri fa turnover per la trasferta col Lecce, partita facile soltanto sulla carta per il tecnico bianconero, che lascia a riposo Cristiano Ronaldo e coccola Paulo Dybala. “Puo’ segnare o no, ma che il suo contributo alla squadra sarebbe stato di livello non avevo dubbi”, sono le parole dell’allenatore alla vigilia dell’impegno in campionato. I bianconeri tornano a giocare alle 15, come in occasione del pareggio con la Fiorentina, anche in quel caso in trasferta, e Sarri mette in guardia sulle difficolta’ della partita. “Il Lecce e’ una squadra propositiva, che non smette di giocare il proprio calcio anche nei momenti di difficolta’ e spesso riesce a mettere in difficolta’ l’avversario – osserva -. Non e’ una partita semplice, c’e’ un paio di componenti pericolose su cui dobbiamo fare attenzione”.

Tra i pericoli la temperatura. Dopo una settimana torinese piu’ che autunnale, tra allenamenti sotto la pioggia, umidita’ e temperature in linea con la stagione, in Puglia i bianconeri ritroveranno l’estate. Sono trenta i gradi previsti alle 15 di domani. “La temperatura elevata va evidentemente a incidere sui ritmi – dice al riguardo – A Firenze abbiamo sofferto la stessa situazione, ma il calendario e’ questo e dobbiamo essere bravi a sopperire alle situazioni”. Si spiega anche per questo motivo l’intenzione del tecnico di cambiare formazione. Oltre al turno di riposo per CR7, potrebbero andare in panchina De Ligt, sostituito da Demiral, Cuadrado e Khedira, con Danilo e Bentancur candidati per una maglia da titolare. “Non sara’ semplice, sono una squadra propositiva, che anche nei momenti di difficolta’ non smette di giocare il suo calcio come ha fatto a San Siro – ribadisce Sarri -. Nel momento in cui cali possono prendere in mano la partita e metterti in difficolta’”.

Ancora ai box Douglas Costa, “a disposizione dello staff medico e non di quello tecnico”, recuperato De Sciglio che pero’ “deve ancora trovare la forma migliore essendo fuori dal 31 agosto”. Non solo dubbi per Sarri, ma anche la certezza di aver ritrovato Paulo Dybala, tornato a brillare con la doppietta in Champions che ha fermato la Lokomotiv Mosca: “Se parliamo di prestazioni, Paulo ha sempre fatto bene in questa stagione. Mi aspettavo una prestazione di alto livello, poi si puo’ segnare o no, ma sapevo che avrebbe fatto bene”. Con i salentini, privi dello squalificato Liverani in panchina, la ‘Joya’ partira’ dall’inizio al fianco del connazionale Higuain, con Bernardeschi nel ruolo di trequartista. Invariato il cuore della manovra, affidato ancora una volta alle geometrie di Miralem Pjanic: “Un calciatore di grande qualita’ – conclude Sarri – E’ in ottima condizione fisica e mentale e si sta esprimendo su grandi livelli. Ha tutto per diventare uno dei giocatori piu’ forti al mondo nel suo ruolo”.

Leggi anche:
Silvia Salemi: "Su Radio2 racconto l'Italia che riparte"
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti