Vaccini anti-Covid: 2 miliardi di dosi somministrate nel mondo. Germania più veloce di Italia

Vaccini anti-Covid: 2 miliardi di dosi somministrate nel mondo. Germania più veloce di Italia
3 giugno 2021

Più di due miliardi di dosi di vaccini anti-Covid sono state somministrate in tutto il mondo, a meno di sei mesi dall’inizio delle prime campagne di vaccinazione nel dicembre 2020, secondo un conteggio effettuato giovedì dall’AFP. Almeno 2.019.696.022 dosi sono state iniettate in 215 paesi o territori, secondo questo rapporto basato su fonti ufficiali. Mentre la miliardesima dose era stata somministrata dopo cinque mesi, il 24 aprile ci è voluto meno di un mese e mezzo per raddoppiare la quantità. Al di fuori dei microstati, Israele rimane il paese con la campagna di vaccinazione più avanzata, con quasi sei israeliani su dieci già completamente vaccinati.

In evidenza anche paesi come il Canada (il 59% della popolazione ha ricevuto almeno una dose), il Regno Unito (58,3%), il Cile (56,6%) o gli Stati Uniti (51%). In termini assoluti dominano la Cina (704,8 milioni) e gli Stati Uniti (296,9 milioni), davanti all’India (221 milioni). Questi tre paesi da soli concentrano 6 dosi su 10 iniettate nel mondo. Nell’UE sono state somministrate 254,98 milioni di dosi al 39% della popolazione. Molto indietro rispetto a Malta (72,4%), campione dei 27, i paesi più popolosi ruotano attorno alla media europea: Germania (43,6%), Italia (40%), Francia e Spagna (39,4%). Nell’ultima settimana, escludendo i paesi con meno di un milione di abitanti, la Cina ha vaccinato più velocemente, iniettando dosi giornaliere all’1,37% della sua popolazione. Seguono Bahrain (1,15%) e Uruguay (0,99%).ti

Leggi anche:
Mafia, quando Falcone disse: "Cosa nostra non sbaglia un omicidio"

Nell’UE, la Germania (0,93%) è più veloce di Italia (0,81%), Francia (0,80%) e Spagna (0,71%). Ancora più lente le campagne giapponesi (0,47%), brasiliane (0,29%), russe (0,22%), indiane (0,19%). La vaccinazione resta un privilegio dei Paesi “ad alto reddito” ai sensi della Banca Mondiale, che ospitano il 16% dell’umanità ma concentrano il 37% delle dosi iniettate nel mondo. I paesi “a basso reddito” si accontentano attualmente dello 0,3% delle dosi. Nel mondo sono state somministrate 26 dosi ogni 100 abitanti. Ma questo dato nasconde forti disparità: 2,5 dosi ogni 100 abitanti in Africa, contro 87 negli Stati Uniti/Canada e 47 in Europa. Solo sei paesi al mondo non si vaccinano ancora: quattro in Africa (Tanzania, Ciad, Burundi, Eritrea), uno in Asia (Corea del Nord) e uno nei Caraibi (Haiti). Il vaccino AstraZeneca/Oxford è il più diffuso al mondo: viene somministrato in più di tre quarti dei Paesi e territori che vaccinano (almeno 170 su 215).

Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti