Bollette, fisco e scuola: arriva stangata da 1.500 euro a famiglia

Bollette, fisco e scuola: arriva stangata da 1.500 euro a famiglia
2 settembre 2018

Un autunno “caldo” sul fronte di prezzi e tariffe attende i consumatori al rientro dalle ferie estive. Lo afferma il Codacons, che ha elaborato uno studio sulle spese che le famiglie italiane dovranno affrontare nelle prossime settimane, e sul rischio rincari per una serie di prodotti di largo consumo.

Leggi anche:
Facebook assumerà 10.000 persone in Ue per creare il "Metaverso"

Si tratta in sostanza di una stangata per ogni famiglia di quasi 1.500 euro, precisamente 1.482 euro, nel prossimo trimestre cosi’ ripartiti: per la scuola (corredo e libri) si spenderanno 890 euro, per le bollette 390 euro, per la Tari 150 euro, per gli alimentari 33 euro in piu’ e per i trasporti 19 euro in piu’. Nel dettaglio, il mese si apre con le spese relative alla scuola: le famiglie dovranno infatti provvedere all’acquisto del corredo scolastico per i propri figli, i cui prezzi nel settore registrano un incremento medio del +2% rispetto al 2017, e dei libri di testo, per una spesa media complessiva pari a circa 890 euro a nucleo, spiega il Codacons.

Leggi anche:
Consiglio dei ministri approva Dpb ma resta nodo pensioni. Più controlli su Rdc

Tra le altre spese fisse che hanno un impatto sulle tasche dei consumatori, le bollette di luce, gas, acqua, telefonia, pay-tv, e altre utenze: in particolare le prossime fatture energetiche e dell’acqua risentiranno dei maggiori consumi durante il periodo estivo, determinando un esborso complessivo da circa 390 euro a nucleo. Da saldare anche la seconda rata della Tari, per un importo medio a livello nazionale pari a 150 euro a famiglia.

A tali spese fisse si aggiungono i rincari di prezzi e tariffe, che saranno particolarmente pesanti nel comparto alimentare e nei trasporti. Per quanto riguarda l’alimentazione il Codacons stima nei prossimi tre mesi un maggiore esborso pari a +33 euro per la famiglia “tipo”, con i prezzi destinati a salire anche a causa del taglio alle produzioni causato dalla siccita’; il settore dei trasporti, invece, risentira’ delle quotazioni del petrolio che, secondo gli analisti, torneranno a salire nei mesi autunnali, comportando solo per costi diretti una maggiore spesa per +19 euro a nucleo.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti