Esplosioni all’aeroporto di Kabul, oltre 60 persone uccise tra cui 13 marines

27 agosto 2021

Due potenti esplosioni hanno colpito il perimetro dell’aeroporto internazionale Hamid Karzai di Kabul, mentre i civili continuavano a cercare di fuggire sui voli dall’Afghanistan controllato dai talebani. Almeno 60 persone sono state uccise e altre 140 ferite, ha detto alla BBC un alto funzionario sanitario a Kabul. Il Pentagono ha confermato che il personale di servizio degli Stati Uniti era tra le vittime: 12 marines statunitensi e un medico della Marina. Gli attentati sono arrivati poche ore dopo che i governi occidentali avevano avvertito i propri cittadini di stare alla larga dall’aeroporto, a causa di un’imminente minaccia di un attacco da parte dell’IS-K, la filiale afgana del gruppo dello Stato Islamico.

Effettivamente l’Isis ha rivendicato: La rivendicazione sull’account Telegram dell’Isis. L’agenzia di stampa ufficiale dell’IS Amaq ha dichiarato sul suo canale Telegram che un membro chiamato Abdul Rahman al-Logari ha effettuato “l’operazione di martirio vicino all’aeroporto di Kabul”. Il nome suggerisce che l’assassino di almeno 13 militari statunitensi e più di 60 civili fosse afghano. Domenica, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, ha affermato che esiste una minaccia “acuta” e “persistente” alle continue evacuazioni dalla capitale afgana dall’ISKP – che prende il nome Khorasan da quello utilizzato da una serie di governanti imperiali musulmani per una fascia di terra che si estende dall’Iran all’Himalaya occidentale.

L’avvertimento, che ha focalizzato l’attenzione su un gruppo che finora ha attirato poca attenzione, è stato ripreso questa settimana da funzionari britannici e dell’Europa occidentale. Le esplosioni sono avvenute fuori dall’aeroporto La prima esplosione è avvenuta intorno alle 18:00 ora locale (13:30 GMT), vicino al Baron Hotel, vicino al perimetro dell’aeroporto. L’hotel era utilizzato dai funzionari britannici per esaminare gli afgani che speravano di recarsi nel Regno Unito. È stato seguito da spari e poi da una seconda esplosione vicino all’Abbey Gate, uno degli ingressi principali dell’aeroporto. I rapporti dicono che la seconda esplosione è avvenuta vicino a un canale fognario dove gli afgani stavano aspettando, vicino al cancello, e che alcune vittime sono state sospinte in acqua.

Un funzionario americano ha affermato che almeno un aggressore indossava un giubbotto esplosivo. Le truppe statunitensi e britanniche erano state recentemente schierate a guardia dell’area intorno all’Abbey Gate. Secondo un resoconto, un aggressore ha sparato su una folla di persone, altre testimonianze dicono che le guardie talebane avevano sparato in aria. I cittadini statunitensi che si erano recati nell’area intorno all’aeroporto erano stati avvertiti prima dell’attacco di “andare via immediatamente”. Visibilmente commosso, a tratti vicino alle lacrime, a tratti con rabbia, dalla Casa Bianca, il presidente Usa Joe Biden si è rivolto alla nazione parlando dell’attentato a Kabul.

“Non perdoneremo e non dimenticheremo, vi daremo la caccia e ve la faremo pagare” ha detto il presidente che al suo esordio ha parlato di una giornata molto “dura”. Dei soldati uccisi nell’attentato Biden ha detto: “Erano eroi, Eroi che sono stati impegnati in una missione pericolosa e disinteressata per salvare la vita degli altri”. Ma questa missione, e tutto il processo delle evacuazioni ha garantito il presidente, “andrà avanti”. Gli Stati Uniti “continueranno a svolgere questa missione con coraggio e onore per salvare vite umane e far uscire dall’Afghanistan i nostri partner, i nostri alleati afgani”.

Leggi anche:
Vaiolo delle scimmie: salgono a 599 i casi, 9 sono donne
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti