Grillo vede i deputati 5 stelle e affonda Conte: l’ex premier ha bisogno di me

Grillo vede i deputati 5 stelle e affonda Conte: l’ex premier ha bisogno di me
Beppe Grillo
24 giugno 2021

C’è una intesa “su tre quarti” del nuovo statuto del Movimento 5 stelle riscritto da Giuseppe Conte, ma ci vorranno ancora due o tre giorni per finire il lavoro. Lo ha detto Beppe Grillo all’assemblea dei deputati stellati, secondo quanto riferisce chi presenzia alla riunione. “Grillo è fermamente convinto che Conte debba guidare il movimento”, giura un alto papavero del M5S, ma è certo che con la discesa a Roma (già terminata la riunione dei deputati, ora nell’auletta dei gruppi di Montecitorio si accomoderanno i senatori per assistere allo show del fondatore) si riprende la centralità accantonata per un po’ di tempo.

Il fondatore del Movimento ha presentato ai deputati il nuovo logo con l’indicazione della prospettiva 2050. Tuttavia, ha anche messo in evidenza implicitamente alcuni dei punti di tensione sui poteri statutari che ancora lo dividono dall’ex presidente del Consiglio, quando ha detto “sono il garante ma non sono coglione”, quando ha sottolineato le loro differenze caratteriali (“io sono un visionario, lui un uomo di cultura”) e quando ha chiarito che vuole avere voce in capitolo sulla comunicazione e sulle scelte di Rocco Casalino. Il portavoce storico del M5S, ormai da tempo uomo-ombra di Conte, “deve parlare anche con me”, ha detto Grillo. Più aperto Grillo si è dimostrato sulla eterna discussione interna a proposito del limite dei due mandati elettivi, che Conte vorrebbe poter gestire con più flessibilità: “Io sono per mantenerlo – ha precisato – ma decideranno gli iscritti”.

Se Conte vuole andare fino in fondo, dovrà fare i conti con l’atteggiamento tutt’altro che distaccato dell’uomo che gli aveva promesso di consegnargli le chiavi del Movimento. Dopo averlo incaricato di “rifondare” il Movimento, il comico genovese ribadisce di voler conservare un ruolo centrale nell’architettura della sua creatura. Conte deve assorbire le idee e le pratiche del M5S, “ha bisogno di me, non io di lui”, ha spiegato in assemblea. Conte è un noto incassatore, maestro nell’arte manzoniana del “troncare e sopire”, ma il percorso per la sua incoronazione appare ancora alquanto accidentato.

Leggi anche:
Riforma della giustizia, governo pone la fiducia alla Camera. M5s diviso
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti