Il virologo Galli: “La sospensione al vaccino AstraZeneca farà danni enormi”

Il virologo Galli: “La sospensione al vaccino AstraZeneca farà danni enormi”
Massimo Galli
16 marzo 2021

E’ convinto che “tutto si risolverà in una bolla di sapone e che farà un gran danno nel rallentare la campagna vaccinale”. Massimo Galli, responsabile del reparto Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, parla con la franchezza che lo contraddistingue sulla sospensione del vaccino anti Covid AstraZeneca, considerandola “molto sbagliata”. Sospensione che, fra la’ltro, “si rifletterà in maniera pesante sulla fiducia della gente”.

Professore Galli, è stato sospeso ancora una volta il vaccino AstraZeneca. Cosa è successo?

“Secondo me, assolutamente nulla a meno che ci sia qualcosa che non so. Quello che so, invece, come è successo altre volte, è che siamo di fronte al solito rumore di fondo perché, purtroppo, alle persone può capitare di avere malori di tipo vario, o esse si vaccinino o che non si vaccinino. Questo credo che alla fine uscirà fuori. Tuttavia, con un effetto domino, in tutta Europa hanno deciso in questo modo. Però i numeri che io ho visto in Gran Bretagna sia con il vaccino Pfizer / BioNTech che con quello AstraZeneca, del tutto sovrapponibili, fanno pensare che questa sia una tempesta che francamente potevamo evitarci visto i problemi che già abbiamo”.

Sia ha la sensazione che ogni Paese agisce per conto proprio: prima l’Austria, poi la Danimarca, la Francia ora anche l’Italia hanno sospeso il vaccino AstraZeneca. Eppure l’Oms continua a dichiarare di utilizzarlo. Non pensa che sul piano della comunicazione questo modo di agire sia pericoloso?

Leggi anche:
Covid, 1.597 nuovi casi in 24 ore in Italia e 44 decessi

“Evidentemente e così. Ripeto, si sta generando un’apprensione che va al di là della portata del problema e questo purtroppo ha delle conseguenze”.

E come se ne esce?

“Bisogna ragionare per eventi, considerando la probabilità di problemi che non dipendono dal vaccino ma dalle circostanze legate al fatto che sui grandi numeri eventi comuni è evidente che siano facili vederli. Purtroppo la gente di una certa età di trombosi celebrale muore. E anche soggetti giovani possono avere problemi di accidenti celebrovascolari legati alla rottura di un aneurisma o qualcosa di simile. Le faccio un altro esempio. Ogni giorni su un milione di gravide, 394 abortiscono. Se fossero state vaccinate, quel milione di gravide, quel giorno avrebbero abortito in 394. E’ colpa del vaccino?”

Quindi.

“In sostanza, prima di decidere di sospendere una pratica vaccinale, che in questo momento è salvavita, sulla base di qualche dubbio, servirebbe che il dubbio sia molto radicato. Non stiamo parlando di malattie rare, purtroppo, ma di condizioni frequenti”.

Non pensa che il governo dovrebbe essere più trasparente nell’informare i cittadini?

“Questa è una posizione di tipo politico che non sto a prendere”.

Più che di politica penso che parliamo della salute dei cittadini.

“Cosa deve fare il governo lo deve vedere il governo. Io ripeto, considero con preoccupazione non il fatto che il vaccino possa essere pericoloso ma considero con preoccupazione il fatto che questa sospensione si rifletterà in maniera pesante sulla fiducia della gente e per recuperarla ci vorrà del bello e del buono semmai la recupereremo. Quindi, la sospensione del vaccino è stata molto sbagliata”.

Leggi anche:
Arcuri indagato per peculato e abuso d'ufficio

Vede un cambio di passo sulle vaccinazioni con il nuovo commissario Francesco Paolo Figliuolo?

Beh, è un po’ presto per dirlo. Poi in questo scenario non invidio chi deve gestire la vaccinazione. Lei ha idea cosa voglia dire questo stop per chi organizza la vaccinazione?

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti