L’ultimatum di Berlusconi alla Carfagna: “Decida se restare o andare via…” L’Opa di Renzi su Forza Italia

L’ultimatum di Berlusconi alla Carfagna: “Decida se restare o andare via…” L’Opa di Renzi su Forza Italia
Mara Carfagna e Silvio Berlusconi
10 novembre 2019

Lievita la tensione in Forza Italia dopo l’apertura della deputata azzurra Mara Carfagna a Matteo Renzi. A scendere in campo l’ex premier in prima persona con un secco ultimatum alla vice presidente della Camera. “Decida se restare o andare via…” è stato infatti l’aut aut lanciato dal leader di FI dopo che l’ex ministro aveva definito una “suggestione” la nascita di “Forza Italia Viva” come progetto da contrapporre alla “salvinizzazione” del centrodestra. E così quello che qualche ora dopo il lancio di Italia Viva era solo un sfottò a mezzo social, diventa oggi una “suggestione” per il centro destra. È Mara Carfagna a dire che l’ipotesi “Forza Italia Viva”, nel caso in cui Matteo Renzi si sfilasse dalla maggioranza di governo, potrebbe diventare una strada percorribile. E a rendere ancora più concreta questa possibilità è il ragionamento complessivo che l’esponente di Forza Italia fa sul presente e sul futuro del centrodestra. Un momento complicato per il partito azzurro sempre più succube e all’inseguimento delle formazioni sovraniste.

Una posizione di subalternità che sembra stare stretta a Carfagna: “Quello che mi fa rabbia è la sudditanza psicologica nei confronti del sovranismo, che è dannosa per il nostro partito, Forza Italia, per la sua reputazione e per la nostra collocazione internazionale”, spiega aggiungendo che occorre riequilibrare una situazione che vede il centro-destra sacrificato alla destra-destra. Lo si è visto, spiega, con il caso Segre: il suo partito si è astenuto dal voto in Senato per l’istituzione della Commissione sul razzismo e sull’antisemitismo chiesta dalla senatrice Liliana Segre. “C’era da votare a favore punto e basta”, si rammarica Carfagna. È stato commesso un errore per la sudditanza psicologica nei confronti degli alleati sovranisti”. Di certo, per la Carfagna in Forza Italia “c’è un disagio che molti avvertiamo. Siamo entrati perché pensavamo ci fosse lo spazio per difendere certi valori. Ora c’è una fase di passaggio ma una cosa mi è molto chiara: il mio campo di gioco resta il centrodestra che voglio più alto, coraggioso, autorevole e non autoritario”.

Le strade del senatore di Rignano e della deputata di Salerno potrebbero incrociarsi, come lei stessa ammette. Ad una condizione: che Renzi si sfili dalla maggioranza “di sinistra” che sostiene il governo Conte. “Se Renzi dichiarasse di non voler sostenere più questo governo di sinistra, ma di avere altre ambizioni, Forza Italia Viva potrebbe essere una suggestione”, dice Carfagna. Una apertura che Renzi coglie al volo, dichiarando di lasciare la porta aperta a Carfagna come a qualunque altro esponente di Forza Italia che voglia cambiare casa politica. Due ragionamenti che solo all’apparenza sono conciliabili. Dalle parole di Carfagna – che solo un mese fa aveva rispedito al mittente l’offerta di entrare con un ruolo forte in Italia Viva – sembra emergere uno scenario che veda Italia Viva e Forza Italia alleati alla pari in un centrodestra moderato. Dietro le parole di Renzi, al contrario, sembra emergere la volontà di lanciare una ‘Opa’ nei confronti di parlamentari ed elettori di Forza Italia.

Leggi anche:
L'Ocse "boccia" la scuola italiana: studenti non sanno leggere, male in scienze. Ministro Fioravanti: "Dati preoccupanti"

“Porte aperte a chi vorrà venire non da ospite ma da dirigente. Vale per Mara Carfagna e per gli altri dirigenti del suo partito, ma noi non tiriamo la giacchetta”, sono le parole dell’ex rottamatore. A conferma di questo, arriva anche un Tweet di precisazione in cui la vice presidente della Camera sottolinea che il suo “campo politico è e resterà il centrodestra. Tra il mio percorso e quello di Matteo Renzi non possono esserci sovrapposizioni. Lui è nell’altra metà campo e sostiene un governo di sinistra”. E mentre Matteo Salvini si augura che “chi ha fatto il ministro grazie al centrodestra non vada a sinistra per amore di poltrone”, il valzer di dichiarazioni tra i due fa scattare l’allarme all’interno del partito di Silvio Berlusconi e non solo. Durissima, ad esempio, Anna Maria Bernini, capogruppo dei senatori forzisti: “Renzi cerca di lanciare un’improbabile Opa su Forza Italia. Chi si può fidare di un mercante politico che ha fatto del trasformismo la sua cifra esistenziale?”. Lega e Fratelli d’Italia, al contrario, rispondono aprendo alla candidatura di Carfagna per la presidenza della Regione Campania. “Mara Carfagna è personalità di massimo rilievo in Forza Italia e sarebbe un candidato da prendere in considerazione”, dice la leader di FdI, Giorgia Meloni. “Carfagna è una donna molto capace che ha dimostrato di essere brava e preparata”, dice Lucia Borgonzoni, candidata della Lega in Emilia Romagna, per la quale Carfagna sarebbe un’ottima candidata del centrodestra in Campania.

Leggi anche:
Pd-Iv alzano voce sulla prescrizione, così inaccettabile. Muro M5s
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti