Vaiolo scimmie, al via vaccinazione per le categorie a rischio

Vaiolo scimmie, al via vaccinazione per le categorie a rischio
5 agosto 2022

“Al momento, la modalità di contagio e la velocità di diffusione, così come l`efficacia delle misure non farmacologiche fanno escludere la necessità di una campagna vaccinale di massa. Tenuto conto dell`attuale scenario epidemico e della limitata disponibilità di dosi, le prime categorie alto rischio a cui verrà offerta inizialmente la vaccinazione, come profilassi pre-esposizione, sono individuate tra: personale di laboratorio con possibile esposizione diretta a orthopoxvirus; persone gay, transgender, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM), che negli ultimi tre mesi hanno avuto rapporti con più partner sessuali e/o partecipazione a eventi di sesso di gruppo, partecipazione a incontri sessuali in locali/club/cruising/saune, e/o con recente infezione sessualmente trasmessa (almeno un episodio nell’ultimo anno), e/o abitudine alla pratica di associare gli atti sessuali al consumo di droghe chimiche (Chemsex)”.

E’ quanto si legge nelle “Indicazioni ad interim sulla strategia vaccinale contro il vaiolo delle scimmie” diffuso dal ministero della Salute. “Tali soggetti a più alto rischio potrebbero essere identificati tra coloro che afferiscono agli ambulatori PrEP-HIV dei centri di malattie infettive e dei Check Point, ai centri HIV e ai centri per il trattamento delle malattie sessualmente trasmissibili, utilizzando anche indicatori di comportamento ad alto rischio simili a quelli utilizzati per valutare l’idoneità alla profilassi pre-esposizione all’HIV, ma applicati indipendentemente dalla presenza o meno di infezione da HIV” precisa il ministero, sottolineando che “si ritiene importante il coinvolgimento delle associazioni LGBTQIA+ e quelle per la lotta all’HIV, in particolare per favorire una corretta informazione sulla campagna vaccinale”.

Leggi anche:
Incendi in Europa, bruciati più di 700 mila ettari di foreste nel corso dell'estate

“La strategia di offerta vaccinale a favore di ulteriori gruppi target potrà essere aggiornata sulla base dell’andamento epidemiologico e della disponibilità di dosi” si legge ancora nel documento del ministero, in cui si precisa che il vaccino attualmente disponibile, “MVA-BN (virus vaccinico vivo Ankara modificato, non replicante, prodotto dalla Bavarian Nordic), è un vaccino distribuito degli Stati Uniti con il nome di JYNNEOS – specifica la nota – e autorizzato dall’FDA per la prevenzione del vaiolo e del vaiolo delle scimmie nei soggetti adulti ad alto rischio di infezione”.

Prima tranche di dosi a 4 Regioni

In Lombardia 2.000 dosi, nel Lazio 1.200, 600 in Emilia-Romagna e 400 nel Veneto. Queste le prime dosi di vaccino contro il vaiolo delle scimmie che il ministero della Salute ha deciso di distribuire. Nella circolare diffusa in serata, infatti, si spiega che “a seguito dell’arrivo della prima tranche di donazione del vaccino antivaiolo Jynneos, da parte della Commissione Europea, si rende necessario un piano per le dosi disponibili”. La distribuzione ha tenuto conto dei colloqui avuti con le Regioni e le Province autonome, con la suddivisione delle dosi attualmente disponibili tra le Regioni con il più alto numero di casi segnalati. In attesa della successiva tranche di donazione (attualmente prevista per la seconda metà del mese) sarà messa da subito a disposizione, per le Regioni e le Province che ne facciano richiesta, una quota di dosi (multipli di 20 fino a 60 dosi). Una quota di vaccino resterà stoccata presso il Ministero della Salute, per eventuali emergenze.

Leggi anche:
Morta in Polonia a 116 anni seconda persona più anziana del mondo

Il vaccino Jynneos (MVA-BN) è oggetto di una seconda circolare del Ministero, che ne autorizza la distribuzione temporanea. Nello stesso documento viene spiegato che “al momento la modalità di contagio e la velocità di diffusione, così come l’efficacia delle misure non farmacologiche fanno escludere la necessità di una campagna vaccinale di massa”. Quindi “tenuto conto dell’attuale scenario epidemico e della limitata disponibilità di dosi”, le prime categorie ad alto rischio a cui verrà offerta inizialmente la vaccinazione, come profilassi pre-esposizione, sono individuate tra: – personale di laboratorio con possibile esposizione diretta a orthopoxvirus; – persone gay, transgender, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM), che rientrano in particolari criteri di rischio (più partner sessuali negli ultimi 3 mesi; partecipazione a eventi di sesso di gruppo; partecipazione a incontri sessuali in locali/club/cruising/saune; almeno un episodio nell’ultimo anno di infezione sessualmente trasmessa; abitudine alla pratica di associare gli atti sessuali al consumo di droghe chimiche (Chemsex).

Sempre nella circolare viene ritenuto “importante il coinvolgimento delle associazioni LGBTQIA+ e quelle per la lotta all’HIV, in particolare per favorire una corretta informazione sulla campagna vaccinale”. La strategia di offerta vaccinale a favore di ulteriori gruppi target potrà essere aggiornata sulla base dell’andamento epidemiologico e della disponibilità di dosi. Il vaccino Jynneos è indicato per la prevenzione del vaiolo e del vaiolo delle scimmie nei soggetti a partire dai 18 anni di età, ad alto rischio di infezione. E’ disponibile in fiale monodose da 0,5 ml e come posologia prevede una vaccinazione primaria (soggetti non vaccinati in precedenza contro il virus del vaiolo o con MVA-BN): due dosi (0,5 ml) a distanza di almeno quattro settimane (28 giorni) l’una dall’altra; vaccinazione di richiamo: una sola dose (0,5 ml) a chiunque abbia ricevuto in passato almeno una dose di vaccino antivaiolo o di MVA-BN o che abbia concluso il ciclo vaccinale di due dosi di MVA-BN da oltre due anni.

Leggi anche:
Incendi, brucia la discarica palermitana di Bellolampo
Segui ilfogliettone.it su facebook
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it


Commenti