Emorraggia senza precedenti, fuori senatori e deputati dal Movimento 5stelle

Emorraggia senza precedenti, fuori senatori e deputati dal Movimento 5stelle
Luigi Di Maio
25 giugno 2020

Un’emorragia senza precedenti che metterà a rischio Giuseppe Conte e la sua maggioranza in Senato. Dopo le undici defezioni degli ultimi mesi e dopo il passaggio di Alessandra Riccardi alla Lega, sembra non arrestarsi la fuoriuscita dal movimento 5 stelle. E’ iniziata a circolare una voce che dà per partenti verso altri lidi ulteriori tre senatori grillini: Mattia Crucioli, Tiziana Drago e Marinella Pacifico.Quest’ultima potrebbe approdare al Gruppo Misto mentre la Pacifico viene accostata al Carroccio. Intanto Alessandro Di Battista continua a restare alla finestra. Ma lo scontro tra governisti e ribelli sembra ormai non più rinviabile. E il tempo, solo quello, rischia di essere la proprietà rimasta nelle mani della gestione di Luigi Di Maio, che annaspa con tutta evidenza in un panorama economico-sociale che richiederebbe ben altra capacità di tenuta politica.

“Sono arrivata a questa scelta dopo averci riflettuto a lungo, non è stato semplice- ha detto la neo senatrice leghista Riccardi- ma era diventato impossibile portare avanti idee e progetti per i quali avevo deciso di far parte del Movimento 5stelle. Il mio disagio in particolare è cresciuto negli ultimi mesi ed è legato al fatto che non si si sia realizzato, neppure in minima parte, quel confronto parlamentare anche con l’opposizione per riforme importanti e ancora più necessarie in un periodo difficile come questo”. Quasi in contemporanea, arriva l’addio al M5s della deputata Alessandra Ermellino, passata al gruppo Misto. “Non vado via dal M5S ma dalle persone che si sono impossessate di un progetto tradendo le speranze di 11 milioni di cittadini” ha tuonato la Ermellino annunciando l’addio al MoVimento 5 Stelle.

Leggi anche:
Sicilia, nuova legge urbanistica dopo 40 anni d'attesa
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti