Coronavirus, Ricciardi: l’impennata ahimé la continueremo a vedere

Coronavirus, Ricciardi: l’impennata ahimé la continueremo a vedere
21 agosto 2020

Continua a salire il numero dei contagiati in Italia e anche i decessi. L’odierno bollettino sull’emergenza coronavirus del ministero della Salute riporta 947 nuovi casi, 9 dcessi, 71.996 tamponi (5446 in meno rispetto a ieri). Ieri i nuovi casi erano stati 845, sei i decessi, e l’incremento dei tamponi rispetto al giorno precedente era stato di 6347 (77.442 tamponi rispetto ai 71.095 di mercoledì). I ricoveri per covid-19 passano in Italia da 883 ieri a 919 oggi (+36), i ricoveri in terapia intensiva da 68 a 69, le persone in isolamento domicliare da 15.063 a 15.690.

“L’impennata di contagi era un dato prevedibile, perché questa curva riprende le conseguenze dei comportamenti che ci sono stati a partire sostanzialmente con l’apertura e le vacanze” ha detto il consulente del ministero della Salute nella gestione dell’emergenza coronavirus, Walter Ricciardi. “La mobilità delle persone è quella che porta il virus – ha aggiunto Ricciardi -, se si abbassa la distanza di sicurezza e si toglie la mascherina come abbiamo visto succedere in molti casi e in quelle circostanze non ci si lava le mani né si cura l’igiene dei luoghi, quelli sono i presupposti fatali per la ripresa dei contagi”. L’impennata, secondo il professore “la continueremo ahimé a vedere perché avete visto anche voi le scene nelle piazze, nei ristoranti e nelle discoteche, che naturalmente sono prodromiche a questo tipo di aumento”.

Intanto tornano ad esservi in Italia alcune regioni senza che oggi si siano rintracciati nuovi casi positivi al coronavirus: si tratta di Valle d’Aosta e Basilicata. Tre regioni, come già ieri, hanno invece un numero di nuovi casi ben superiore a 100: si tratta di Lombardia (174), Lazio (137) e Veneto (116). In ordine decrescente, poi, in Emilia Romagna oggi si sono registrati 82 nuovi casi, in Toscana 79, in Campania 67, in Sicilia 44, in Sardegna 42, in Piemonte 39, in Friuli Venezia Giulia 36, in Puglia 35, in Abruzzo 23, in Umbria 22, in Liguria 21, nella Marche 17, nella provincia autonoma di Bolzano 5, nella provincia autonoma di Trento 4, in Calabria 2 e 2 anche in Molise. 

LO SCENARIO PER REGIONE

LOMBARDIA

In Lombardia nelle ultime 24 ore i decessi per Coronavirus sono stati 6, mentre e i nuovi casi positivi sono 174, su 10.703 tamponi effettuati. I ricoverati in terapia intensiva aumentano di 1 a 17, mentre quelli non in terapia intensiva diminuiscono di 6 a 149. I guariti e dimessi sono 97. Fra le province, è Milano dove si registra il maggior numero di contagi con 54 nuovi casi, di cui 31 in città. Seguono Brescia (28), Monza e Brianza (18) e Bergamo (17). Tutte le altre province sono tutte sotto i dieci casi.

PIEMONTE

Nessun decesso è stato comunicato nel pomeriggio dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte. Il totale rimane di 4142 deceduti risultati positivi al virus. Sono invece 32.260 (+ 39 rispetto a ieri), i casi di persone finora risultate positive.

VENETO

Ottanta nuovi contagi e un decesso: è l’aggiornamento sui casi di coronavirus fornito dalla Regione Veneto. Il totale dei tamponi Covid positivi registrati è pari a 21.650, i casi attualmente positivi sono 1.865, mentre il totale dei negativizzati virologici è di 17.683. I deceduti in Veneto sono complessivamente 2.102.

BOLZANO

Nella provincia autonoma di Bolzano sono 5 i nuovi casi (2.837 casi totali, il totale delle vittime è di 292), i nuovi tamponi sono 1.290 (127.013 tamponi totali).

TRENTO

Nella provincia autonoma di Trento 4 nuovi casi (5.016 casi totali, il totale delle vittime è di 405), i nuovi tamponi sono 745 (175.169 tamponi totali).

Leggi anche:
Migliaia di cittadini Ue a rischio espulsione da Gran Bretagna

FRIULI VENEZIA GIULIA

Le persone attualmente positive in Friuli Venezia Giulia sono 254 (24 più di ieri). Due sono i pazienti che risultano in cura in terapia intensiva e nove sono invece i ricoverati in altri reparti. Non si sono registrati nuovi decessi (348 in totale). Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute. Oggi sono stati rilevati 36 nuovi contagi; quindi, analizzando i dati complessivi dall’inizio dell’epidemia, le persone risultate positive al virus sono 3.583: 1.447 a Trieste, 1.112 a Udine, 783 a Pordenone e 237 a Gorizia, alle quali si aggiungono quattro persone da fuori regione. I totalmente guariti ammontano a 2.981, i clinicamente guariti sono 11 e le persone in isolamento 232. I deceduti sono 197 a Trieste, 77 a Udine, 68 a Pordenone e 6 a Gorizia.

ALTO ADIGE

I laboratori dell’Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.290 tamponi. Sono stati registrati 5 nuovi casi positivi. A livello provinciale l’Azienda sanitaria dell’Alto Adige informa che ad oggi (21 agosto) sono stati effettuati in totale 127.013 tamponi su 66.986 persone. I numeri in breve: Tamponi effettuati ieri (20 agosto): 1.290 nuovi tamponi positivi: 5 numero delle persone positive al coronavirus: 2.837 numero complessivo dei tamponi effettuati: 127.013 numero delle persone sottoposte al test: 66.986 (+830) pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri, nelle cliniche private: 7 pazienti Covid-19 in isolamento nella struttura di Colle Isarco: 6 numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 1 decessi complessivi (incluse le case di riposo): 292 (+0) persone in isolamento domiciliare: 1.857 (delle quali 354 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta) persone che hanno concluso la quarantena e l’isolamento domiciliare: 13.185 (delle quali 65 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta) persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 15.042 persone guarite: 2.404 (+3). A queste si aggiungono 890 (+1) persone che avevano un test dall’esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Totale: 3.294 (+4). collaboratori dell’Azienda sanitaria positivi al test: 234; 232 guariti.

LIGURIA

In Liguria sono 21 i nuovi casi di Coronavirus rilevati nelle ultime 24 ore. Lo rende noto la Regione Liguria, sottolineando che da ieri sono stati effettuati 1794 tamponi. Tra i nuovi contagiati, 12 avevano avuto contatti con casi confermati e 2 erano tornati da viaggi all’estero. Al momento in tutto il territorio regionale sono 20 le persone ricoverate in ospedale, 2 in meno di ieri, di cui una in terapia intensiva. Sono 1250, invece, le persone sottoposte a sorveglianza attiva nelle quattro province liguri.

EMILIA ROMAGNA

Dall’inizio dell’epidemia da coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 30.708 casi di positività, 82 in più rispetto a ieri. Il numero di tamponi anche oggi supera i 10mila, mentre l’indice di trasmissione (Rt) a 14 giorni è di 0,45, sotto la media nazionale, fissata a 0,83. Lo riferisce la Regione Emilia-Romagna specificando che, degli 82 nuovi casi, 52 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 31 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti. Sono 32 i nuovi contagi collegati a vacanze o rientri dall’estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso faringei durante l’isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia e Malta. Non si registra alcun decesso in tutto il territorio dell’Emilia-Romagna. Il numero rimane dunque invariato: 4.455.

Leggi anche:
Boom di contagi a Tokyo, oltre 3mila in 24 ore

TOSCANA

Sono 11.063 i casi di positività in Toscana, 79 in più rispetto a ieri (25 identificati in corso di tracciamento e 54 da attività di screening). I nuovi casi sono lo 0,7% in più rispetto al totale del giorno precedente. L’età media dei 79 casi odierni è di 34 anni circa, il 68% è asintomatico. Delle 79 positività odierne, 20 casi sono ricollegabili a rientri dall’estero di cui 18 per motivi di vacanza (più 8 contatti). 19 casi sono riferibili a cittadini residenti fuori regione la cui positività è stata notificata in Toscana. Il 33% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso. I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 487.880, 4.154 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 878, +9,6% rispetto a ieri. I guariti crescono dello 0,02% e raggiungono quota 9.046 (81,8% dei casi totali). Oggi non si registrano nuovi decessi. Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

MARCHE

Nelle Marche continua a salire giorno per giorno il numero dei nuovi positivi: 17 nelle ultime 24 ore (erano stati 13 quelli comunicati ieri), rispetto ai 1.290 tamponi processati nel percorso nuove diagnosi. Gli ultimi casi individuati comprendono rientri dall’estero e chi si è infettando venendo a contatto con loro, screening del percorso sanitario e persone che sono diventate positive partecipando a cene e feste. Lo si apprende dal primo bollettino del Gores, il gruppo operativo che coordina l’emergenza sanitaria nella regione. Il totale dei casi finora accertati sale così a 7.095, numero che tiene conto anche dei focolai individuati all’Hotel House di Porto Recanati (Macerata) e nel comune pesarese di Montecopiolo.

UMBRIA

Dopo i 17 di ieri, sono 22 i nuovi casi di coronavirus accertati nell’ultimo giorno in Umbria. Con dieci guariti in più (1.393 in tutto), arrivano quindi a 129 gli attualmente positivi secondo i dati ufficiali pubblicati nel sito della Regione. Nessuno dei nuovi contagiati ha avuto bisogno del ricovero: restano complessivamente 11 i pazienti con il Covid nelle strutture sanitarie umbre, di cui uno in terapia intensiva. Stabili a 80 i morti. Eseguiti 1.356 nuovi tamponi nelle ultime 24 ore, 139.407 in tutto.

ABRUZZO

Salgono i contagi in Abruzzo con 23 nuovi casi in regione dove sono complessivamente 3604 i positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.
Rispetto a ieri si registrano 23 nuovi casi (di età compresa tra 9 e 84 anni, di cui 6 riferiti agli ospiti dei Cas di Canistro e Civita D’Antino), mentre il numero dei pazienti deceduti resta fermo a 472. Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 289 (+21 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 145369 test. 30 pazienti (+3 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 1 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 258 (+18 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 321 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+13 rispetto a ieri), 890 in provincia di Chieti (+1), 1663 in provincia di Pescara (+5), 698 in provincia di Teramo (+1), 30 fuori regione (+2) e 2 (+1) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

MOLISE

Molise 2 nuovi casi (509 casi totali, il totale delle vittime è di 23), i nuovi tamponi sono 209 (30.886 tamponi totali).

BASILICATA

Nessun nuovo caso in Basilicata, dove ieri sono stati processati 460 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, risultati tutti negativi. Lo fa sapere la task force regionale. Nella stessa giornata sono state registrate 10 guarigioni: 1 persona residente in Basilicata e 9 tra i cittadini stranieri in isolamento in una struttura dedicata della regione. Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 11 e si trovano tutti in isolamento domiciliare. Intanto, nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza è ricoverata 1 persona di nazionalità estera e proveniente da Stato estero, risultata negativa al secondo tampone di verifica e in attesa di formale comunicazione di dimissioni.

Leggi anche:
L'incredibile traversata del funambolo Andrea Loreni

LAZIO

Oggi nel Lazio si registrano 137 casi e un decesso. Di questi oltre la metà sono casi di rientro e oltre il 35 percento dai rientri dalla Sardegna. Gli altri casi di importazione provengono: quattro dalla Grecia, tre dall’Emilia-Romagna, tre da Bulgaria, tre dalla Sicilia, due da Malta, due da Romania, tre dalla Spagna, uno dalla Croazia e uno dall’Argentario. I drive-in saranno operativi anche nelle giornate di sabato e domenica. Tutte le info e le modalità sul sito salutelazio.it. Nel monitoraggio settimanale del ministero e dell’Iss il valore RT del Lazio è in calo a 0.7 e si conferma l’ottimo contact tracing. Nel primo giorno di attività sono stati già 1.300 i test di sieroprevalenza effettuati al personale scolastico del Lazio. Già ricevute oltre 10 mila prenotazioni. Il test verrà eseguito anche al personale ausiliario, delle mense e del trasporto scolastico. E’ quanto fa sapere l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

PUGLIA

Sono 35 i nuovi casi registrati in Puglia. C’è anche un neonato, ricoverato all’ospedale Giovanni XXIII di Bari. In totale sono stati effettuati 2931 test. 3996 sono i pazienti guariti, 419 sono i casi attualmente positivi. I casi registrati nelle ultime ore, sono prevalentemente attribuibili a rientri dall’estero o a loro contatti. Per quanto riguarda Bari (dove si è registrato il maggior numero di casi), il direttore generale dell’Asl, Antonio Sanguedolce, ha spiegato che “Si tratta in buona parte di rientri dall’estero, 5 dalla Grecia, 1 da Spagna e 1 da Malta e 3 contatti stretti di casi già in sorveglianza”.

CAMPANIA

“Sono 68 i contagi registrati oggi in Campania: 14 a Napoli: 3 dall’estero, 6 provenienti da strutture turistiche della Sardegna e 5 residenti. A Caserta contagi provenienti da Spagna e Sardegna. Anche a Salerno contagi provenienti dall’estero”. Questo il bilancio che il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha tracciato in una diretta sui Facebook. “Ci dobbiamo preparare ad accogliere pazienti sintomatici e quindi a riaprire le strutture sanitarie. Da lunedì riapre il Covid center di Napoli all’ospedale Loreto Mare. Non possiamo essere colti di sorpresa”, ha spiegato.

CALABRIA

In Calabria 2 nuovi casi (1.379 casi totali, il totale delle vittime è di 97), i nuovi tamponi sono 1.340 (142.386 tamponi totali).

SICILIA

Prosegue il trend di contagi in Sicilia. Sono 44 i casi in più. Attualmente i malati sono 828: 8 in terapia intensiva, 45 con sintomi e 775 in isolamento domiciliare. Sono 3.919 i casi totali, 2.805 i dimessi guariti e restano 286 i deceduti. Significativo l’incremento dei tamponi pari a 3.129.

SARDEGNA

Nuovo picco di casi in Sardegna, 42 in un solo giorno: 27 nel nord Sardegna, 13 nella città metropolitana di Cagliari e due nella provincia del sud Sardegna. Il totale dall’inizio dell’emergenza sale così a 1.609. Nessun nuovo decesso: le vittime restano 134.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti