Su migranti intesa più vicina, ma si tratta su durata permessi

Su migranti intesa più vicina, ma si tratta su durata permessi
8 maggio 2020

Un’intesa sulla regolarizzazione dei migranti sarebbe più vicina, ma la maggioranza sta ancora trattando sulla durata dei permessi di soggiorno temporanei da concedere ai lavoratori in nero dell’agricoltura e a chi svolge la mansione di colf o di badante. Al termine del colloquio tra Giuseppe Conte e Italia viva è stato Ettore Rosato a dire che sulla vicenda “nel governo sta maturando un orientamento positivo”, ma a fine giornata ancora non risultano sciolti tutti i nodi.

Secondo quanto riferiscono fonti ministeriali, sarebbe ormai deciso che potranno beneficiare della regolarizzazione braccianti, colf e badanti che lavorano in nero, anche italiani. Nel caso dei lavoratori stranieri verrà previsto un permesso di soggiorno, che però Iv, Pd e Leu vorrebbero di sei mesi, mentre M5s non intende andare oltre un mese. La mediazione sulla quale starebbe lavorando la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese prevederebbe permessi di 3 mesi, una durata che sarebbe accettata dai democratici e anche da Iv, ma che vede la contrarietà di Leu. Resta da capire se M5s alla fine arriverà a dare l’ok ad un permesso di 3 mesi. In ogni caso, Pd, Iv e ministero dell’Interno puntano ad inserire la norma nel “decreto maggio”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
L'ex Pd Calenda si candida a sindaco di Roma. E ora chiede sostegno ai Dem


Commenti